Visitare Stonehenge, il sito preistorico

Visitare Stonehenge

Visitare Stonehenge è il sogno di tutti; probabilmente è uno dei siti archeologici più famosi al mondo, uno dei più fotografati. Ma è anche uno di quei posti che sono avvolti dal mistero, visto che si sa poco delle sue origini e della sua funzione originale.

Finalmente, durante un tour itinerante dell’Inghilterra, io e Gianni siamo riusciti a visitarlo. E’ sicuramente un posto affascinante, ma non mi ha coinvolta come pensavo; non ho trovato quella magia che per me rende un posto speciale e unico, per una serie di motivi che vi spiegherò più avanti.

Certo, non sto dicendo che non valga la pena di visitarlo, perchè non è così; inoltre, ognuno di noi vive certe emozioni in maniera diversa e magari a voi potrebbe piacere da morire. Anzi, se decidete di visitare Stonehenge, fatemi sapere quali sono le vostre impressioni.

Dove si trova e come arrivare

Visitare Stonehenge
Stonehenge

Stonehenge si trova nella piana di Salisbury, nel sud-ovest dell’Inghilterra e nella regione del Wiltshire. La distanza da Londra è di circa 150 chilometri, pertanto è abbastanza semplice organizzare una escursione da Londra per visitare Stonehenge.

Escursione da Londra

Il mezzo più comodo e agevole per arrivarci è senza dubbio l’automobile; ma se ne siete sprovvisti o se non ve la sentite di guidare (visto che in Inghilterra si guida nella corsia di sinistra) potete anche arrivarci in treno o in autobus. Ma non è la soluzione più vantaggiosa. Intanto sia il treno che l’autobus sono abbastanza costosi, ma soprattutto non esistono mezzi pubblici che arrivino direttamente a Stonehenge.

Questo significa arrivare a Salisbury, la città più vicina, e da qui prendere un autobus, cioè lo Stonehenge Tour Bus. Esso ferma sia davanti alla stazione ferroviaria che davanti alla stazione dei pullman.

Secondo me l’alternativa più valida alla macchina sono i tour organizzati; essi partono da Londra, ma anche da altre città. Essi comprendono il trasporto e l’ingresso al sito; in alcuni casi anche la guida. Se poi avete tempo, potete anche prenotare un tour che vi porti non solo a scoprire i misteri di Stonehenge, ma anche altre interessanti attrazioni della zona.

Escursione da Oxford

Noi abbiamo raggiunto Stonehenge in auto, ma non da Londra, bensì da Oxford; la distanza tra la famosa città universitaria ed il sito archeologico è inferiore rispetto a quella da Londra, visto che si tratta solo di 107 chilometri.

Anche se partite da Oxford, è impossibile raggiungere Stonehenge direttamente se scegliete di farlo con i mezzi pubblici. Ancora una volta dovrete arrivare prima a Salisbury e poi proseguire con il bus che vi ho citato prima.

La buona notizia è che si possono trovare tour organizzati che partono da Oxford; le caratteristiche e le modalità sono le stesse dei tour che partono da Londra. Quindi, a voi la scelta!

Visitare Stonehenge: orari e prezzi

Stonehenge
Stonehenge

Vediamo quando potete visitare Stonehenge e quali sono i costi. Ma prima di tutto, è necessario che sappiate che senza prenotazione on line, non potrete accedere al sito. O meglio, se siete abbastanza fortunati da trovare ancora qualche biglietto disponibile presso la biglietteria, potrete entrare; ma vale la pena di rischiare? Meglio arrivare a destinazione muniti di ticket per evitare brutte sorprese. Potete acquistare il vostro biglietto presso il sito ufficiale di Stonehenge.

Il sito è aperto tutto l’anno, con l’eccezione di alcuni giorni particolari, il 24 e 25 dicembre, cioè la vigilia e il giorno di Natale. Gli orari variano a seconda della stagione; l’orario di apertura cambia poco, visto che nei mesi invernali l’accesso è possibile a partire dalle ore 9.30, mentre d’estate si anticipa di mezz’ora. La variazione dell’orario di chiusura è più vistosa, le porte d’entrata chiudono due ore prima d’inverno, cioè alle 17, l’estate invece vi consentono di vedere il sito fino alle 19.

Parliamo adesso di prezzo dei biglietti, e le note sono abbastanza dolenti. In effetti i prezzi sono piuttosto elevati per la visita di un sito così semplice, che in fondo non richiede particolari costi di manutenzione. Se poi aggiungete il cambio (svantaggioso) da pound a euro, il prezzo risulta ancora più oneroso. Volete degli esempi? Eccoli:

– un adulto paga 21,10 £;
– le persone over 65 e gli studenti hanno uno sconto e pagano £21;
– i ragazzi al di sotto dei 18 anni pagano £2.70;
– i bambini al di sotto dei 5 anni entrano gratuitamente (meno male!).

L’unico modo per risparmiare e non pagare il biglietto è la carta dell’English Heritage. Si tratta di una tessera che potete acquistare e che vi garantisce sconti o entrata gratuita presso molti monumenti in Inghilterra. Potrete trovare la lista dei monumenti che aderiscono all’iniziativa e le modalità per affiliarvi e ottenere la carta sul sito della English Heritage. Una raccomandazione: anche se in possesso della carta, dovrete comunque prenotare la visita, visto che gli accessi sono contingentati.

Visitare Stonehenge: la storia e i misteri

Visitare Stonehenge
Stonehenge

Tutti sappiamo cos’è Stonehenge: un gruppo di monoliti disposti a cerchio, su alcuni dei quali poggiano degli altri giganteschi massi. Ma dietro questo complesso cosa si nasconde? L’origine della storia di questo complesso si perde molto indietro nel tempo, sono molte le congetture che riguardano la sua funzione originale e le modalità della sua costruzione, ma sono poche le certezze.

Il suo nome è composto da due parole, “stone” (pietra) e “henge” (in inglese hang, cioè appendere), quindi il significato può essere “pietra sospesa“. E’ il più famoso cromlech, una parola bretone che significa cerchio di pietra. Alcune indagini scientifiche avrebbero dimostrato che la sua costruzione risalga addirittura al 3100 a.c. Una data che è quasi impossibile da concepire!

Ma chi lo avrebbe costruito? Alcune teorie sostengono che siano stati i Celti, e in particolare i Druidi, i sacerdoti, che lo utilizzavano come luogo di culto o anche per effettuare dei sacrifici umani. Le ipotesi più estreme riguardano la presenza di alieni che avrebbero tentato di invadere la terra, quindi Stonehenge sarebbe una specie di varco tramite il quale l’energia arriva dallo spazio.

La teoria più attendibile vede Stonehenge come un antico osservatorio astronomico: la posizione delle pietre avrebbe un particolare orientamento che suggerisce questa ipotesi, ma anche in questo senso nessuna certezza. Fatto è che per molti, il monumento è diventato un simbolo; in occasione del solstizio d’estate molti giovani si recano a visitare Stonehenge e ad aspettare l’alba, convinti di assorbire energie positive. Negli anni tra il 1972 e il 1984, veniva organizzato un festival musicale, poi sospeso dalle autorità a causa degli episodi di violenza che si verificarono.

Un’altra domanda che resta senza risposta riguarda le pietre stesse; delle dettagliate analisi scientifiche hanno rivelato che esse provengono dalla lontana Irlanda. Quindi, come sono state trasportate in questo luogo? Considerando i mezzi disponibili all’epoca è difficile dare una risposta!

Come spesso capita in questa zona dell’Inghilterra, anche Stonehenge è legata alla leggenda di Re Artù e del Mago Merlino. Il monarca voleva costruire un luogo di sepoltura adatto ai suoi cavalieri, e voleva che esso fosse abbellito da possenti rocce provenienti dall’Irlanda. Ma l’impresa sembrava impossibile da realizzare e il progetto non sarebbe andato a buon fine se non fosse stato per i poteri magici di Merlino.

Come visitare Stonehenge

Una volta arrivati al parcheggio e lasciata la vostra auto, troverete un edificio che ospita la biglietteria dove dovrete recarvi per mostrare il vostro biglietto. Troverete anche delle toilette molto pulite, uno store dove fare razzia di souvenir, un bar dove bere o mangiare qualcosa prima di intraprendere la visita.

C’è anche un museo, dove vengono illustrate la storia e le teorie relative a Stonehenge tramite grafici e reperti. Ha aperto nel 2013 e se ne avete voglia, potreste dedicargli un pò del vostro tempo. Noi lo abbiamo visitato molto velocemente ma tutto sommato ne vale la pena.

Subito fuori dall’edificio vi troverete di fronte ad una ardua scelta: camminare o prendere la navetta? Nel primo caso dovrete camminare per circa 2,5 chilometri nella verde campagna inglese prima di arrivare al sito vero e proprio. La navetta è gratuita, magari dovrete aspettare qualche minuto visto che è presa d’assalto; noi abbiamo scelto questa seconda opzione.

Una volta raggiunto il circolo di pietre, vedrete che esso è interamente circondato da cordicelle che non permettono di avvicinarsi. Questa per me è stata una delle delusioni, perchè mi sarebbe piaciuto passeggiare in mezzo ai monoliti, cosa che fino a qualche anno fa era consentita. Probabilmente il divieto di avvicinarsi alle rocce è scattato per paura di atti vandalici da parte dei turisti che vanno a visitare Stonehenge.

Adesso, non vi resta che scattare tante foto, e ammirare lo spettacolo. Quello che ho pensato io è “Tutto qui?”. Già, perchè forse mi ero creata io delle grandi aspettative, ma le pietre mi sono sembrate più piccole di quello che pensavo, l’insieme meno grandioso e imponente di quello che si vede nelle foto. Non dico che non valga la pena visitarlo, ma non era esattamente come lo immaginavo!

Cosa vedere nei dintorni di Stonehenge

Nei dintorni di Stonehenge ci sono alcuni luoghi interessanti da visitare, e giacchè siete lì potreste approfittarne, visto che comunque la visita di Stonehenge non vi porterà via molto tempo.

Se venite da Londra, potreste approfittare per vedere Oxford, una delle più famose città universitarie del Regno unito e non solo. E’ un posto molto affascinante con i suoi college e i suoi edifici molto antichi.

Un’altra tappa è sicuramente Salisbury; soprattutto vi consiglio la sua cattedrale, una delle più belle tra le cattedrali normanne dell’Inghilterra. Ma quello che la rende particolarmente interessante è la presenza, al suo interno, di una copia della Magna Carta.

A circa un’ora di strada, troverete Bath, la città la cui origine risale ai tempi dei romani. Come il nome stesso suggerisce (Bath significa bagno o terme), il luogo è ricco di bagni termali costruiti dai romani. La cittadina è nella lista dei Patrimoni Unesco.

A poco più di due ore di strada, quindi più distante, c’è anche la cittadina che ha avuto l’onore di dare i natali a William Shakespeare, il più famoso poeta inglese: Stratford Upon Avon. Io ve la consiglio davvero perchè è molto bella e l’atmosfera che si respira è quella dei tempi passati, dell’epoca elisabettiana.

Cerchio di pietre
Stonehenge

Per ogni altra informazione, potete consultare il sito ufficiale di Stonehenge.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:
Cosa vedere a Dover, la città sulla Manica
Cosa vedere a Portsmouth
Cosa vedere a Brighton in un giorno
La Cattedrale di Canterbury, il fulcro dell’Anglicanesimo
Cose imperdibili a Edimburgo, la capitale scozzese


24 Comments to Visitare Stonehenge, il sito preistorico

  1. sara bontempi ha detto:

    Anche noi siamo stati a Stonehenge e la abbiamo trovata magica e meravigliosa. Abbiamo letto da poco che hanno già aperto le prenotazioni per il prossimo anno per poter entrare nelle zone solitamente vietate e camminare proprio sotto le rocce… Un pensierino ce lo stiamo facendo!

    • Teresa ha detto:

      A me è mancato proprio questo, poter ammirare i monoliti da vicino. Ma pazienza, magari darò a Stonehenge una seconda chance!

  2. Claudia ha detto:

    Sicuramente uno dei luoghi al mondo più famosi e riconoscibili, uscito direttamente da un libro di storia o di inglese. Purtroppo ancora non sono riuscita a visitarlo, ma spero presto di riuscire a fare un bel viaggio nel Regno Unito e di arrivare anche qui!

  3. Eliana ha detto:

    Ho visto talmente poco dell’Inghilterra che ti dico solo che Stonehenge l’ho vista dal pullman che ci portava a Salisbury…. Devo assolutamente tornarci e vederla come l’hai vista tu! Deve essere uno spettacolo!

  4. Veronica ha detto:

    Mio marito è andato qualche anno fa proprio in pullman da Londra, purtroppo io lavoravo e mi sono persa l’escursione. Non ti nego che mi sono mangiata le mani in quel momento ma spero di provvedere presto e visitare anche io questo reperto storico magari come day trip da Oxford.

    • Teresa ha detto:

      Appena ti è possibile, vai a vedere Stonehenge e approfitta anche per visitare Oxford, è una città che merita sicuramente!

  5. Elena ha detto:

    Che meraviglia Stonehenge, per me sarebbe un sogno visitare questo luogo. Davvero un peccato però che sia circondato dalle cordicelle…

    • Teresa ha detto:

      In effetti, le cordicelle sono stata la mia grande delusione, ma posso capire i motivi per cui hanno limitato l’accesso!

  6. ANTONELLA ha detto:

    Io ho sempre immaginato Stonehedge come un luogo magico dopo aver letto tutte le leggende legate ad Artù e Merlino ma posso capire bene la tua delusione trovando le pietre transennate. Forse andandoci proprio il giorno del solstizio d’estate si può apprezzare meglio il vero scopo dei monoliti.. in ogni caso rimangono misteriosi e secondo me è meglio non indagare oltre

    • Teresa ha detto:

      Sicuramente il mistero che avvolge questi monoliti li rende molto affascinanti, ma tutto sommato non ne sono rimasta coinvolta come mi sarei aspettata!

  7. Sylvié ha detto:

    E’ sempre stato il mio sogno visitare Stonehenge e devo essere sincera, 21 sterline le spenderei senza pensarci, pur di vederlo. Prima o poi lo farò, magari in occasione di qualche solstizio. Che meraviglia! Secondo me è proprio una di quelle cose da vedere almeno una volta nella vita.

  8. Marina ha detto:

    Nonostante negli ultimi anni sia stata spesso a Londra, non ho mai avuto occasione di visitare Stonehenge. Capisco la frustrazione di non poter avvicinarsi, ma credo sia anche una giusta misura. Forse arrivare al sito camminando invece che con la navetta aggiunge un pò più di pathos alla visita.

    • Teresa ha detto:

      Magari è come dici tu, magari camminando nella verde campagna inglese avrei apprezzato di più tutto l’insieme. Mi resterà per sempre il dubbio!

  9. Libera ha detto:

    Quando ho visitato Stonehenge ero davvero una ragazzina al mio primo viaggio da sola all’estero. Con questo itinerario avete davvero risvegliato i miei ricordi più belli.

  10. Stonehenge è un luogo che intriga tantissimo ma non sono mai riuscita ad organizzare, appunto , per le difficoltà di spostamento.
    Non me la sento di guidare in Inghilterra e avendo avuto poco tempo mi spiaceva perdere un’intera giornata a Londra per visitare solo questo sito.

    Ma sicuramente in una prossima visita vorrei cercare di andarci!

    • Teresa ha detto:

      Noi siamo andati a Stonehenge durante un tour dell’Inghilterra, per una volta avevamo deciso di lasciar perdere Londra e dedicarci ad altro.

  11. Uno dei siti più famosi e ambiti dai viaggiatori di tutto il mondo.Davvero complimenti per questa vostra impresa. Spero di riuscire anche io a provare queste emozioni dinanzi a questi misteriosi monoliti.

  12. Sono stata a Stonehenge tanti anni fa durante un tour del sud dell’Inghilterra in macchina: abbiamo toccato anche altre tappe legate alla leggenda di Re Artù, e da quelle parti ce ne sono di luoghi da vedere. Anche se non si trovano risposte precise, è uno di quei posti dall’atmosfera magica che vanno visitati se si passa da quelle parti.

    • Teresa ha detto:

      Anche noi abbiamo visitato tanti luoghi legati a Re Artù, anche se si tratta solo di una leggenda ha sempre il suo fascino!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianni e Teresa - I Nonni Avventura *** Sito ottimizzato per risoluzione 1600 x 900 | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress