Stratford upon Avon, la città natale di William Shakespeare

Le cose da vedere a Stratford upon Avon sono tutte legate alla vita e alla memoria del più grande poeta inglese.

E’ una cittadina situata nell’Inghilterra centrale che deve la sua fama al grande poeta cui diede i natali: William Shakespeare.

In realtà, è un posto estremamente grazioso (come tutta la zona, del resto), e meriterebbe una visita indipendentemente dal fatto di essere la città natale del grande drammaturgo.

Cosa vedere a Stratford Upon Avon
La casa di Shakespeare a Stratford upon Avon

Come arrivare a Stratford upon Avon

La distanza da Londra è di circa 150 chilometri. Ovviamente potete arrivarci in macchina, ma se preferite potete utilizzare il pullman.

La seconda opzione è sicuramente il mezzo più economico, visto che il costo del biglietto si aggira intorno agli 8.50 euro. Il viaggio dura due ore 20 minuti.

Esiste un autobus diretto della National Express che vi porterà da Victoria Coach Station fino a destinazione. Parte tutti i giorni, due volte al giorno.

Cosa vedere a Stratford Upon Avon
La casa di Shakespeare a Stratford upon Avon

Per il treno è un pò più complicato, in quanto non esiste un diretto. Dovreste effettuare un cambio, che dilaterebbe la durata del viaggio fino ad oltre tre ore; e il costo è sicuramente maggiore.

Quando andare a Stratford upon Avon

Il clima è quello tipico dell’Inghilterra, con temperature non proprio calde l’estate e fredde d’inverno.

Quindi il periodo migliore per visitare Stratford sono i mesi che vanno da maggio a ottobre; ma se il freddo non vi spaventa, potete effettuare la vostra visita in qualsiasi periodo.

In ogni caso, prevedete un ombrello e un impermeabile, perchè la zona è soggetta a precipitazioni piovose nel corso di tutta l’estate; si sa che in Inghilterra il tempo è estremamente variabile.

Cosa vedere a Stratford Upon Avon
La casa di Shakespeare a Stratford upon Avon

Cosa vedere a Stratford upon Avon?

Le attrazioni da vedere a Stratford upon Avon sono tantissime cose, tutte legate in un modo o nell’altro al poeta.
Innanzitutto la casa dove William Shakespeare nacque e che è estremamente suggestiva, poiche sembra essere rimasta intatta e immutata, sia all’interno e all’esterno.

L’arredamento è quello dell’epoca (parliamo degli anni intorno al 1564) e può essere considerato lussuoso per il periodo, visto che la famiglia di William era abbastanza facoltosa; la struttura dell’edificio è quella tipica, con i muri bianchi e il tetto di paglia.

Cosa vedere a Stratford Upon Avon
Rappresentazione Teatrale

Nel cortile, un gruppo di attori si esibisce in rappresentazioni teatrali, ovviamente tratte solo ed esclusivamente dal repertorio shakesperiano.

A pochi metri, potete trovare la Royal Shakespeare Company, proprietaria di due teatri, lo Swan Theatre, costruito sul modello di un teatro elisabettiano, e The Other Place.

Se volete, potete assistere ad una delle tante rappresentazioni teatrali che si succedono nel corso della giornata.

Giardino a Stratford upon Avon
Giardino a Stratford upon Avon

Un altro luogo che merita una visita è Hall’s Croft, la casa della figlia di Shakespeare, Susanna, che si occupò del padre nei suoi ultimi anni di vita.

Anche questa abitazione è da considerarsi lussuosa, poichè Susanna aveva sposato un medico e viveva quindi nell’agiatezza.

Infine non potete perdervi una visita alla Holy Trinity Church, la chiesa dove William fu battezzato e in seguito sepolto accanto alla moglie Anne Hathaway.

Holy Trinity Church
Holy Trinity Church

Forse perchè amo molto Shakespeare, ma mi ha fatto un certo effetto vedere la sua tomba e pensare di essere al cospetto di una tale celebrità.

A questo punto, dovrete prendere l’auto per spostarvi fuori da Stratford upon Avon per visitare l’Anne Hathaway’s Cottage, la casa della moglie del drammaturgo prima del matrimonio, e la Mary Arden’s House, casa della madre.

La tomba di William Shakespeare
La tomba di William Shakespeare

Anne Hathaway’s Cottage

Si tratta del cottage dove visse Anne Hathaway prima di divenire la moglie di William Shakespeare.

A dimostrare l’elevata situazione economica della famiglia, la casa è formata da ben 12 camere; a me sono piaciuti moltissimo gli arredi, che, malgrado risalgano ad oltre 500 anni fa, sono molto ben conservati.

E soprattutto sono molto belli i giardini che circondano il cottage, dove potrete passeggiare o accomodarvi sulle panche appositamente predisposte per un picnic.

Puoi acquistare qui i biglietti online

Anne Hathaway's cottage a Stratford upon Avon
Anne Hathaway’s cottage a Stratford upon Avon

Mary Arden’s House

A proposito di questo edificio bisogna fare un pò di chiarezza.

Lo Shakespeare Birthplace Trust, l’organizzazione che possiede e gestisce gli edifici collegati alla vita del drammaturgo inglese, acquistò una fattoria nel 1930, ritenendo che essa fosse la vera Mary Arden’s House.

 Il giardino di Anne Hathaway's cottage
Il giardino di Anne Hathaway’s cottage

L’edificio venne ristrutturato e riammobiliato in tipico stile Tudor; ma nel 2000 si scoprì che esso era in realtà appartenuto ad un vicino di Mary, Adam Palmer.

Oggi, questa fattoria è conosciuta come Palmer’s House ed è conservata in perfetto stato.

La vera casa di Mary Arden è un edificio adiacente, anche questo acquistato e risistemato dallo Shakespeare Birthplace Trust. ed è quello che potete visitare oggi.

Mary Arden's House
Mary Arden’s House

Si trova a circa tre miglia dal centro di Stratford unpon Avon, si tratta di una vera e propria fattoria, con le stalle e i recinti per gli animali. C’è perfino una falconeria con dei veri falchi addestrati.

Il personale che ci lavora è vestito con costumi dell’epoca, per accrescere la suggestione, ed è a vostra disposizione per raccontarvi la storia della casa e delle tradizioni dell’epoca.

Interno della Mary Arden's House
Interno della Mary Arden’s House

Biglietti d’ingresso

L’accesso ai luoghi di William Shakespeare è a pagamento: potete acquistare i biglietti aeparatamente, ma dal momento che sono abbastanza cari,per risparmiare, vi consigliamo di acquistare un biglietto cumulativo, lo Shakespeare’s Family Homes Pass.

Il costo è di circa 25 euro e vi consente l’accesso alla casa natale di Shakespeare, alla Hall’s Croft, Anne Hathaway’s Cottage e Mary Arden’s House.

Puoi acquistare qui i biglietti online

Potrebbero interessarti anche questi articoli:
Oxford e Harry Potter
Cornovaglia del Nord, tra scogliere e leggende
La Cattedrale di Canterbury, il fulcro dell’Anglicanesimo


10 Comments to Stratford upon Avon, la città natale di William Shakespeare

  1. Matilde ha detto:

    Sono stata a Stratford upon Avon un paio di anni fa nell’ambito di un tour di un giorno nei Cotswolds e confermo che merita una visita, sia per un tuffo nella letteratura inglese – la casa di Shakespeare riproduce molto bene le tradizioni dell’epoca – , sia una passeggiata tra i negozi nel suo centro vivace

  2. Ilaria Fenato ha detto:

    Ho inserito questa città nell’itinerario che mi piacerebbe fare tra Manchester, Lake District, York, Durham etc… Grazie per le preziose informazioni! Spero di poterla visitare quanto prima ❤️

  3. Giovy ha detto:

    Stratford, secondo me, merita molto, anche al di là di Shakespeare. Così come merita la contea di cui fa parte.

    • Teresa ha detto:

      Sono pienamente d’accordo con te, questa cittadina è un vero gioiellino e merita di essere visitata comunque; però alcune attrazioni legate al grande poeta la rendono ancora più interessante!

  4. Nonostante sia stata tante volte in Inghilterra, a Stratford upon Avon non ci sono mai passata. Peccato però mi sembra una città davvero graziosa dove trascorrere una giornata piacevole oltre a visitare i luoghi di Shakespeare. Da tempo sogno un viaggio sulle orme di Jane Austen e di Agatha Christie: avendo un po’ di tempo non sarebbe male aggiungere qualche tappa shakespeariana!

    • Teresa ha detto:

      I piccoli villaggi dell’Inghilterra sono tutti bellissimi, avendo tempo a me piacerebbe vederli tutti! Per il momento, mi piacerebbe vedere lo Yorkshire e il Lake Disctrict, ma chissà quando sarà possibile?

  5. Claudia ha detto:

    Non sapevamo che ci fosse la possibilità di visitare questo piccolo paese dalla grande storia. Anche se lontano dagli itinerari comuni merita proprio una passeggiata…Lo annotiamo per quando sarà possibile viaggiare e intanto sfogliamo qualche libro di letteratura inglese!

    • Teresa ha detto:

      a prescindere dal fatto di essere la città natale del “bardo”, è una città molto graziosa. Ma per una appassionata di letteratura inglese come me, è davvero il top!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianni e Teresa - I Nonni Avventura *** Sito ottimizzato per risoluzione 1600 x 900 | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress