Rajasthan: itinerario di viaggio

rajasthan

Il Rajasthan è stata la meta del nostro viaggio natalizio per il 2019, ed è durato 14 giorni.

Decidere di fare questo viaggio è stata una faccenda molto sofferta: inizialmente l’India non mi interessava molto. Poi le foto e i documentari che ho visto in giro mi hanno incuriosita.

Rajasthan India gate
India Gate

Però avevo letto delle affermazioni che mi preoccupavano: in molti sostengono che un viaggio in India è un colpo allo stomaco, che è molto duro, che bisogna essere pronti.

Ma avevo anche letto che il Rajsthan è tra gli stati più “soft” e quindi uno dei più facilmente affrontabili. Inoltre, noi avevamo visitato il Nepal in precedenza, quindi non eravamo poi così sprovveduti.

Così abbiamo preso la decisione: partiamo per l’India, per il Rajasthan.

Che dire? E’ stato uno dei viaggi più belli che abbiamo fatto, l’India ci ha meravigliati e incantati con i suoi colori, i profumi, i sorrisi della gente. Ci siamo talmente innamorati di questa destinazione che sono sicura che ci torneremo!

Rajasthan Mercato di Delhi
Mercato di Delhi

L’organizzazione del viaggio in Rajasthan

Un viaggio in Rajasthan può essere organizzato in autonomia, ma questa volta abbiamo preferito affidarci a degli esperti.

Innanzitutto le cose da vedere sono tante e avevamo bisogno di qualcuno che ci desse una mano a fare una selezione e che ci consigliasse le cose più belle da vedere.

Abbiamo contattato una travel designer, Susindia, con la quale abbiamo stilato l’itinerario e fissato le tappe; e poi ci siamo affidati a Prem Viaggi, un agenzia locale, per la realizzazione del viaggio.

Taji Mahal
Taji Mahal

Abbiamo dovuto cercare i voli e fare il visto per l’India da soli, ma non è stato complicato! E’ sufficiente andare su questo sito e compilare il modulo.
Il visto costa 25 dollari a persona e ha una durata di 30 giorni.

Tenete a portata di mano una scansione digitale del passaporto e una foto tessera, perchè vi sarà chiesto di inserire entrambe sul sito.

Entro 48/72 ore lo riceverete direttamente sulla vostra mail.

Quando andare in Rajasthan

Il periodo migliore per visitare il più grande stato dell’India è da settembre a marzo/aprile.

In questo periodo infatti le temperature sono fresche di notte, ma raramente scendono sotto i 10 gradi. Di giorno invece salgono fino a 20/22 gradi.

Questo significa che dovrete vestirvi a cipolla, in modo da essere coperti al mattino presto e alla sera; durante il giorno toglierete giubbotti e felpe perchè la temperatura diventerà più calda.

Donna ad Agra
Donna ad Agra

Noi non abbiamo avuto nessun problema con le temperature, solo una mattina a Udaipur siamo stati costretti a girare con il giubbotto pesante fino a tarda mattinata, perchè faceva davvero freddo.

In questo periodo, il rischio di pioggia è praticamente pari a zero. Il cielo che abbiamo visto è stato sempre terso e sgombro da nubi. Unica eccezione, la mattina in cui siamo partiti da Jaisalmer, quando al risveglio abbiamo trovato una fitta nebbia che ci ha accompagnato fino a mezzogiorno.

Negli altri mesi, la temperatura sale di molti gradi diventando davvero insopportabile, ci hanno detto che si possono raggiungere anche i 45 gradi.

Inoltre, il monsone colpisce il Rajasthan in luglio e agosto, complicando le cose con forti acquazzoni.

Rajasthan Chand Baori
Chand Baori

Medicinali in viaggio

Oltre ai soliti medicinali che usate abitualmente, è consigliabile portare con voi dei prodotti per combattere eventuali problemi intestinali.

Noi avevamo con noi del Normix (un disinfettante intestinale), fermenti lattici e Imodium. Fortunatamente, ci siamo riportate a casa le confezioni perfettamente integre, visto che non abbiamo avuto nessun problema.

In effetti, basta avere un paio di accortezze per evitare situazioni critiche: lavarsi sempre le mani, evitare di bere acqua che non sia sigillata, non utilizzare il ghiaccio (non si sa mai con quale acqua è stato fatto), non consumare frutta non sbucciata.

E magari evitare di consumare i pasti nei locali dove la pulizia è piuttosto dubbia.

Hawa Mahal a Jaipur
Hawa Mahal a Jaipur

Noi in generale cenavamo in hotel, eravamo quasi sempre troppo stanchi per andare in giro; e di giorno era il nostro driver che ci portava nei posti giusti, dove abbiamo sempre mangiato benissimo, in posti puliti e spendendo davvero poco!

Dove dormire in Rajasthan

Come quasi sempre quando siamo in Asia, abbiamo optato per alloggi estremamente lussuosi, visto che il prezzo è comunque molto abbordabile.

Intanto non volevamo rischiare di trovarci in posti dove la pulizia era carente, e soprattutto volevamo concederci dei posti rilassanti, con dei bei panorami e magari ricchi di storia.

Rajasthan Haveli
La nostra haveli a Nawalgarh

Susanna ci ha trovato delle sistemazioni grandiose in tutte le città dove siamo stati; solo l’ultima notte a Delhi abbiamo dormito in un hotel carino ma normale vicino all’aeroporto, visto che dovevamo partire alle 4 del mattino.

Descrivervi questi hotel è difficile; in ognuno abbiamo avuto un benvenuto come non avevamo mai visto prima.

A Udaipur abbiamo trovato delle donne che spargevano petali di rosa davanti ai nostri piedi mentre avanzavamo… molto, molto suggestivo, anche se devo confessare che mi sentivo imbarazzata.

A Bikaner siamo stati accolti da uno stuolo di cameriere in costume tipico che ci salutavano, mentre un uomo suonava la tromba e ci faceva il saluto militare.

E infine a Nawalgarh abbiamo dormito in una splendida e antica haveli; era talmente bella che sembrava di essere tornati indietro al tempo della colonizzazione britannica.

Haveli Jodhpur
La nostra haveli a Jodhpur

Se volete maggiori informazioni sugli hotel dove abbiamo soggiornato contattatemi pure all’indirizzo mail teresa@nonniavventura.it

Il nostro itinerario di viaggio

Siamo arrivati a Delhi al mattino molto presto, alle 4. Siamo stati accolti in aeroporto da Prem, il titolare dell’agenzia, con una collana di fiori che ci ha messo al collo e ci ha fatto sentire molto vip 🙂

Abbiamo trascorso qualche ora in hotel per tirare il fiato e poi siamo partiti in esplorazione della capitale indiana. Non abbiamo potuto vedere moltissimo, ma ci siamo fatti un’idea di quella che è una delle città più grandi del mondo.

Il giorno dopo, siamo partiti alla volta di Agra per visitare il Taji Mahal e il Forte di Agra. Abbiamo trascorso la serata nella città più incasinata e turistica che abbiamo visto durante tutto il viaggio.

Tempio delle Scimmie
Tempio delle Scimmie

Poi via, alla volta di Jaipur, la capitale dello stato del Rajasthan. Ma durante lo spostamento, abbiamo effettuato delle soste per visitare dei monumenti molto belli.

Innanzitutto, la città abbandonata di Fatehpur Sikri; poi Abhaneri, dove si trova un pozzo dalla forma molto strana e infine Galta ji, anche conosciuto come il tempio delle scimmie.

A Jaipur ci siamo fermati per ben due notti, ed è qui che abbiamo festeggiato il Natale. E’ una città che offre tanto: il forte di Amber, l’osservatorio astronomico Jantar Mantar, il Palazzo dei Venti, il City Palace, dove vive ancora il mahraja di Jaipur.

E naturalmente il pittoresco e colorato mercato, uno di quelli che solo l’India sa offrire.

La tappa successiva è stata Pushkar, un villaggio molto piccolo che ospita un importante tempio dedicato a Brama.

In seguito ci siamo spostati ad Udaipur, chiamata la città bianca o anche la Venezia dell’India; anche qui ci siamo fermati due notti.

A Jodhpur abbiamo visitato il mercato e il forte, fermandoci solo una notte.

Mucca nel Rajasthan
Mucca nel Rajasthan

Jaisalmer è nel cuore del deserto del Thar, anche qui abbiamo dormito due notti, per poter visitare il forte e fare un giro sul dromedario.

Abbiamo raggiunto Bikaner, dove abbiamo trascorso l’ultimo giorno dell’anno e visitato Karni Mata, il tempio dei topi.

L’ultima delle nostre tappe è stata Nawalgarh, una cittadina ricchissima di haveli, delle splendide case costruite in passato da ricchi mercanti.

E poi purtroppo la nostra vacanza è finita: siamo tornati a Delhi e poi da lì abbiamo ripreso l’aereo per tornare a casa.

Qui sotto trovate la mappa del nostro itinerario, cliccateci sopra per ingrandire!

Rajasthan
Mappa del Rajastan

Incredible India

Malgrado le perplessità iniziali, l’India ha saputo ammaliarci; il Rajasthan è un paese affascinante che ci ha preso il cuore.

Ci sono sicuramente delle enormi differenze con il nostro modo di vivere e di pensare; la miseria e la sporcizia sono davvero paurose. Ma è un paese ricco di storia, con una cultura che mi piacerebbe molto approfondire e capire meglio.

E’ un viaggio che sono contenta di aver fatto e di cui porterò sempre il ricordo nel cuore, e che consiglio caldamente a tutti.

Potrebbe interessarti anche questo articolo:
Guidare in India, ecco perchè non farlo!


6 Comments to Rajasthan: itinerario di viaggio

  1. Lux ha detto:

    Il tuo racconto è davvero molto interessante e stimolante. Leggere di te in India, tra mercati colorati, palazzi ed haveli, mi ha fatto viaggiare con la fantasia. Desidero da tempo intraprendere un viaggio in India, ma ho sempre pensato fosse un viaggio impegnativo. Da quello che leggo, invece, sembra che il tour del Rajasthan sia alla portata di qualsiasi viaggiatore, anche di quelli non particolarmente esperti. Dipende forse da chi ha organizzato il tour?
    Complimenti anche per le bellissime foto.

    • Teresa ha detto:

      Ti ringrazio di cuore! Sono lieta di sapere che l’articolo ti sia piaciuto: il nostro obiettivo è proprio quello di “ispirare” le persone e invogliarle a viaggiare. Quanto all’India, è un paese è bellissimo! Se hai bisogno di suggerimenti e consigli sai dove trovarmi!

  2. Valeria ha detto:

    Bellissimo viaggio…. Complimenti. È uno dei miei sogni bel cadetto!

    • Teresa ha detto:

      Si, un viaggio davvero bellissimo… è andato al di la di ogni più rosea aspettativa! L’India ci ha talmente coinvolta che sicuramente ritorneremo!

  3. Lilly ha detto:

    Tutti in India ultimamente. 😉
    Ho una carissima amica che ha fatto più o meno lo stesso itinerario.
    Io spero un giorno di poter visitare questo Paese dai netti contrasti ma vorrei organizzare il viaggio in autonomia. Lavorone lo so… vedremo.
    Buon anno carissimi nonni. <3

    • Teresa ha detto:

      Ciao! Ti auguro di cuore di riuscire a visitare l’India e in particolare il Rajasthan, se tanta gente ci va in questo periodo ci sarà un perchè 🙂
      E a mia volta spero di riuscire a ritornare, magari a visitare altre bellissime zone 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianni e Teresa - I Nonni Avventura *** Sito ottimizzato per risoluzione 1600 x 900 | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress
error: Content is protected !!