I castelli di Ludwig in Baviera

Castelli della Baviera

I castelli della Baviera sono anche conosciuti come “castelli di Ludwig” perche quasi tutti sono strettamente legati alla figura di Re Ludwig. Alcuni furono costruiti per sua volontà, mentre in altri egli trascorse parte della sua vita.

Se guardate una mappa per cercare i Castelli della Baviera, vi accorgerete che questi gioielli architettonici sono per la maggior parte situati nella bassa Baviera, ad eccezione del Castello di Nymphenburg che si trova a Monaco di Baviera. Sono per la maggior parte immersi nella natura e collocati in posizioni strategici che ne aumentano il fascino.

Per comprendere meglio il valore di questi edifici, è bene capire la figura controversa di Re Ludwig.

Ludwig, il triste re pazzo

Castelli della Baviera
Il Castello di Neuschwanstein

Molti sono stati gli aggettivi utilizzati per definire il monarca bavarese: qualcuno lo ha definito triste e nostalgico, qualcuno depresso e infelice, e altri addirittura lo definiscono pazzo senza mezzi termini. Comunque sia, la sua figura e la sua vita restano avvolte dal mistero.

Salì al trono giovanissimo, a soli 18 anni; forse a causa della sua gioventù, era molto benvoluto dal popolo. Uno dei suoi primi atti ufficiali fu il patrocinio del musicista Wagner, la cui musica Ludwig idolatrava.

Successivamente, subì forti pressioni affinchè si sposasse e generasse un erede. Fu fidanzato per anni con sua cugina Sofia, sorella dell’Imperatrice Sissi, ma alla fine ruppe il fidanzamento e non si sposò mai. Si dice che egli fosse segretamente innamorato dell’Imperatrice d’Austria. In realtà, dai suoi diari sembrerebbe che egli fosse omosessuale, e considerando le sue origini cattoliche, questo gli creò notevoli problemi e inquietudini.

Con il tempo, si allontanò sempre di più dalla vita pubblica e dai suoi doveri di monarca; spese delle cifre ingenti per la costruzione dei suoi castelli e per questa ragione, fu dichiarato pazzo dal governo.

La sua morte, che è anche il più grande dei misteri che circondano la sua figura, avvenne per annegamento in un lago. Non sapremo mai se sia stato un incidente, o un assassinio per sbarazzarsi di una figura scomoda per il governo.

Castelli della Baviera
Castello di Schachen

I Castelli della Baviera da visitare

Ed eccoci a parlare dei castelli della Baviera che videro il monarca bambino, poi adolescente e infine re. Sono una preziosa eredità che egli ci ha lasciato e che ce lo fanno apprezzare per il buon gusto e la raffinatezza.

Il Castello Neuschwanstein

Castello Hohenschwangau
Castello Hohenschwangau

Il primo castello della Baviera che ci viene in mente è il Castello di Neuschwanstein, sicuramente il più popolare. Dall’alto di una rocca, esso domina la valle ed è circondato da una rigogliosa natura.

E’ talmente famoso che la sua immagine si trova sui puzzle e sui calendari; è stato addirittura utilizzato da Walt Disney per alcuni dei suoi film di animazione e soprattutto come simbolo dei vari Disneyland.

Il castello si trova a circa 6 chilometri da Fussen ed è proprio da qui che parte la famosa Strada Romantica (o Romantische Strasse), che si snoda attraverso la Baviera fino ad arrivare a Würzburg.

L’esterno del castello è una visione mozzafiato, ma l’interno non è da meno, con le sue sale, lussuosamente arredate, i suoi affreschi e i suoi dipinti. E’ forse il castello costruito da Ludwig che meglio rispecchia la sua personalità.

Il Castello Hohenschwangau

Proprio ai piedi del Castello di Neuschwanstein, si trova il Castello di Hohenschwangau. E’ inconfondibile con la sua colorazione gialla e la sua struttura piuttosto tozza, soprattutto se paragonata a quella del castello vicino.

Questo castello non è stato costruito da Ludwig, ma il suo legame con il monarca bavarese è comunque molto forte. E’ qui che egli trascorse le estati della sua infanzia ed adolescenza insieme alla famiglia; ed è sempre qui che fece uno degli incontri più importanti della sua vita, con il musicista Wagner.

Il castello ha origini medievali, ma quello che possiamo vedere oggi è frutto di ampliamenti e di varie ristrutturazioni. Il solo cambiamento voluto da Ludwig è nel soffitto della sua camera da letto: egli fece dipingere un cielo stellato illuminato da lampade a olio.

Le sale più significative del castello sono:
1) la Sala degli Eroi, dove si tenevano i rinfreschi e i banchetti e che è la sala più grande dell’intero castello.

2) la Sala della Regina, all’interno della quale dormiva la madre di Ludwig, e i cui arredi sono in stile orientale.

3) la Camera degli Hohenstaufen, che veniva utilizzata dal re Massimiliano come spogliatoio. Al suo interno, si può ammirare il pianoforte suonato da Wagner durante le sue visite.

4) la Camera da letto reale, conosciuta anche come Camera del Tasso.

Potete acquistare i biglietti per visitare il castello presso la biglietteria; volendo, esiste anche un biglietto combinato che consente di visitare sia Hohenschwangau che Neuschwanstein.

Castelli della Baviera: il Castello Linderhof

Castelli della Baviera
Castello di Linderhof

Il Castello di Linderhof è situato nella valle di Graswang, vicino al villaggio di Ettal. Esso vanta alcuni record: è il più piccolo tra le dimore costruite dal monarca, ma anche quello più lussuoso. Inoltre, sembra che sia quello più amato dal re, visto che vi trascorse molto più tempo che negli altri castelli.

Inizialmente, era una dimora di campagna, ma dopo alcune visite a Parigi, e dopo aver visitato la Reggia di Versailles, Ludwig decise di operare una radicale trasformazione alla struttura. Egli si ispirò al Petit Trianon della Regina Maria Antonietta; Linderhof doveva essere un luogo lontano dal mondo dove egli poteva rifugiarsi per meditare, riflettere e divertirsi.

L’esterno del castello colpisce per la sua eleganza e i meravigliosi giardini; l’interno vi travolge con la sua opulenza e il suo fasto. Ci sono specchi, arazzi, sete, modanature d’oro e un arredamento ricchissimo.

Le sale più importanti sono:
1) Sala delle Udienze, che malgrado il suo nome non fu mai utilizzata per ricevere nessuno; era piuttosto un piccolo ufficio privato dove campeggia una enorme scrivania.

2) Camera da letto reale, che è gigantesca. pensate che supera i 100 metri quadrati. Era qui che Ludwig riposava, su un enorme letto a baldacchino decorato con velluto blu. Essa è la camera più costosa del castello.

3) Sala da pranzo. La particolarità di questa sontuosa sala è un meccanismo all’interno del tavolo; esso consentiva di servire le pietanze e sparecchiare senza che i servitori entrassero nella sala. Si dice che, benchè Ludwig cenasse sempre da solo, la tavola venisse imbandita tutte le sere per almeno 5 o 6 persone.

4) La Sala degli Specchi è la sala che colpisce di più, visto che è completamente rivestita di specchi. Si dice che di sera essa fosse illuminata da centinaia di candele.

Anche i giardini si ispirano a Versailles, e la somiglianza è evidente per chi abbia visitato entrambi i palazzi. Troverete fontane, cascate, statue e padiglioni. Ma la cosa più singolare è la Grotta di Venere: è una grotta artificiale, con un lago, abbellita da una barca a forma di conchiglia, dove si dice che Ludwig trascorresse parecchio tempo.

Il Castello Herrenchiemsee

Tra tutti i castelli della Baviera, Herrenchiemsee è quello che rivela maggiormente l’ossessione di Ludwig per Versailles e la sua reggia. La somiglianza tra i due palazzi è tale che il palazzo viene chiamato “la piccola Versailles in Baviera“.

Si trova sull’isola Herreninsel al centro del lago Chiemsee, il più grande della Baviera. Per raggiungere il castello, dovrete raggiungere Prien am Chiemsee e da lì prendere un battello.

Il Castello doveva essere, nelle intenzioni del sovrano, la copia perfetta del palazzo francese, ma la sua morte prematura impedì che l’opera fosse portata compimento. Esiste un solo corpo centrale, l’ala sinistra è stata demolita e quella destra neanche iniziata.

Al primo piano troverete un museo dedicato a Ludwig, alla sua vita, ai Castelli della Baviera da lui costruiti; una sezione è dedicata a Richard Wagner e alla sua musica.

Ecco le sale che rendono il palazzo una meraviglia assoluta:
1) Scalinata degli Ambasciatori, una doppia scalinata sovrastata da un soffitto in vetro.

2) La Grande Sala degli Specchi, che secondo me è il vero capolavoro di tutto il palazzo. Ricorda molto la sala omonima di Versailles, ma forse la supera in bellezza. Sicuramente, con i suoi 98 metri, la supera in lunghezza.

3) Camera da letto di rappresentanza. Era qui che il re riceveva e dava udienza; per questo motivo viene considerata come il cuore reale del palazzo.

4) Camera da letto privata del re. Non enorme come quella di Linderhof, anzi molto più piccola e raccolta, è un vero gioiello; anche qui si trovano preziosi arazzi, stucchi e decorazioni. Tra le altre cose, vedrete un globo di vetro la cui funzione era quella di illuminare la stanza con una luce soffusa. L’artigiano a cui fu commissionata impiegò quasi due anni a realizzarlo.

4) La sala da pranzo; ha la forma di una ogiva ed è decorata con i busti del Re Luigi XV e di importanti cortigiane dell’epoca, da Madame Dubarry a Madame de Pompadour.

Il Castello di Nymphenburg

Il castello di Nymphenburg
Il castello di Nymphenburg

Re Ludwig II vide la luce proprio in questo castello; fu proprio per ringraziare la propria consorte per avergli dato un erede che il monarca in carica decise di regalarle questa fastosa residenza.

I lavori furono affidati all’architetto Agostino Barelli, che progettò il restauro del padiglione centrale già esistente; successivamente, fu Enrico Zucalli, un altro architetto italiano, che aggiunse le gallerie laterali.

Per la sua maestosità e bellezza, il palazzo rientra tra le più visitate residenze della Germania. Si trova nella periferia della capitale bavarese ed è facilmente raggiungibile.

Le sale principali, quelle che attirano soprattutto l’attenzione dei visitatori sono:
1) La Sala di Pietra, famosa per i suoi stucchi e affreschi. Fu qui che il futuro re venne battezzato e dove il giovanissimo Wagner tenne un concerto a soli sei anni.

2) La Galleria delle bellezze. Prende il suo nome dalla presenza di innumerevoli ritratti femminili. Tra i tanti dipinti, spiccano quelli che raffigurano le amanti ufficiali del re: Lola Montez e Marianna Florenzi Marquesa. Alcuni ritratti riproducono l’immagini di donne non appartenenti all’aristocrazia e questo diede adito a molti sgradevoli pettegolezzi. Qualcuno ritiene infatti che tutte queste donne abbiano avuto una liaison con il monarca.

3) Camera da letto verde, la camera da letto più bella di tutto il castello. ma quello che la rende ancora più preziosa è il fatto che proprio qui Ludwig vide la luce.

Il palazzo vanta anche alcuni musei interessanti. Quello che a me è piaciuto di più è il Museo delle Carrozze. La maggior parte delle carrozze esposte appartennero a Ludwig e, come ci si può aspettare, sono dei gioielli decorati con materiali preziosissimi. L’altro museo è quello delle Porcellane.

Non perdetevi una passeggiata nel parco, che è splendido; al suo interno ci sono dei padiglioni, tra i quali spiccano l’Amalienburg, il Badenburg e il Pagodenburg.

Castelli della Baviera: il Castello di Starnbergersee

Castello Herrenchiemsee
Castello Herrenchiemsee

Starnbergsee è un lago situato a circa 20 chilometri da Monaco di Baviera. Esso è circondato da un grande parco al cui interno è collocato il Castello di Berg.

E’ un luogo molto tranquillo e rilassante, ma è circondato da un’aura di tristezza. Infatti, Ludwig trascorse qui gli ultimi anni della sua breve vita e fu qui che incontrò la sua morte prematura. Come già sapete, egli morì a 40 anni per annegamento e fu proprio il lago Starnbergsee il teatro della tragedia.

Egli era già stato deposto dal trono, quindi stava attraversando uno dei periodi più critici della sua vita, pertanto non si può escludere il suicidio. Ma l’ipotesi più accreditata, anche se mai confermata ufficialmente, è l’omicidio.

In memoria del defunto re, che tanta bellezza ci ha lasciato, è stata eretta una Votivkapelle, una cappella votiva, proprio nel luogo in cui la salma del defunto re venne ritrovata.

Castello di Schachenhaus

Tra i castelli della Baviera legati alla figura di Ludwig, il Castello di Schachenhaus è sicuramente il meno popolare. Il re si rifugiava qui, sulle alte montagne bavaresi, in una dimora che è sicuramente meno fastosa delle altre, ma da cui si gode un panorama incantevole.

Si tratta infatti di un semplice chalet di legno frequentato solo dagli escursionisti alpini e da coloro che amano la figura del monarca triste e vogliono visitare tutti i luoghi da lui frequentati. Ma se l’esterno è molto modesto, gli interni sono degni del re: ancora una volta troviamo arredi lussuosi, vetrate e il soffitto stellato della sua camera da letto.

Il castello si trova a poca distanza da Garmisch-Partenkirchen, e per raggiungerlo bisogna camminare per almeno 3 ore e mezzo. Ludwig in generale usava il cavallo o una piccola carrozza.

Dal momento che il soggiorno di Ludwig in questo luogo coincideva con il suo compleanno, il 25 agosto, in questa data viene celebrata una messa all’aperto per commemorarlo.

Castello di Starnbergersee
Castello di Starnbergersee

Trovate altre informazioni sul sito ufficiale dei Castelli della Baviera.

Se sei un appassionato di castelli, potrebbero piacerti questi articoli:
Castelli della Loira: quali sono i più belli da visitare
Castello di Predjama: la visita e la storia
Sintra e il Palacio da Pena
Residenze reali in Gran Bretagna
Il Castello di Miramare e il suo fascino asburgico


24 Comments to I castelli di Ludwig in Baviera

  1. Povero Ludwig, alla fine non è mica da dire che la nobiltà, la ricchezza e la fama rendano una persona felice, anzi. Tra questi castelli conoscevo di fama solo quelli di Neuschwanstein e di Hohenschwangau ma anche quelli meno noti mi sembrano spettacolari.

    • Teresa ha detto:

      In effetti Ludwig non ha davvero avuto una vita felice, anzi deve aver sofferto moltissimo nella sua breve vita! Per quanto riguarda i castelli, sono tutti bellissimi, anche se Neuschwanstein è sicuramente il più famoso!

  2. Sara Slovely.eu ha detto:

    Uno dei viaggi più belli che ho fatto con i miei genitori da adolescente. E poi ci sono pure tornata diverse volte! La figura di Ludwig mi affascina da sempre.

    • Teresa ha detto:

      Ludwig è una figura molto controversa, a me ha sempre fatto una gran tristezza; soldi e potere certo non gli hanno dato la felicità!

  3. Moira e Raffaella ha detto:

    Un altro on the road che abbiamo in programma da fare appena si potrà girare liberamente. Mi piacerebbe farlo in primavera, quando la natura si risveglia! Sembrano davvero posti da film. Bello, bello, bello!!

    • Teresa ha detto:

      A me piacerebbe molto rivedere questi castelli sotto la neve, dicono che sia un panorama estremamente suggestivo!

  4. Paola ha detto:

    Dico sempre che vorrei visitare i castelli della Loira in Francia, ma forse dovrei mettere anche sulla mia bucket list i castelli della Baviera tedesca!

    • Teresa ha detto:

      Metti in programma entrambe gli itinerari, perchè vale la pena di vedere entrambi! Sono molto diversi, ma tutti molto belli!

  5. Elena ha detto:

    Questi sono gli articoli che preferisco. Adoro i castelli! Quello di Neuschwanstein l’ho sempre visto in foto e vorrei tanto vederlo di persona. Credo che sia incredibile!!! 😍

    • Teresa ha detto:

      Ci sono stata più di una volta e devo dire che entrambe le volte mi ha sorpreso per la sua bellezza, è unico al mondo!

  6. paola ha detto:

    Ho fatto il giro di alcuni di questi castelli molti anni fa, immergendomi nel clima da favola che li circonda, soprattutto quello di Neuschwanstein. Sono spettacolari anche le zone limitrofe e soprattutto i piccoli hotel. Bellissimo!

    • Teresa ha detto:

      E’ verissimo, l’atmosfera che si respira è unica, anche perchè la Baviera offre dei panorami incredibili!

  7. deb ha detto:

    La Baviera è un luogo speciale, ho fatto un giro ma mai visitati i castelli… mi avete fatto venire voglia di visitarli.

    • Teresa ha detto:

      Non ci posso credere… sei andata in Baviera e non hai visitato i castelli? Ma come, devi rimediare al più presto!

  8. Libera ha detto:

    Oltre al castello che ha ispirato Walt Disney, che non vedo l’ora di visitare , devo ammettere che tutti gli altri mi affascinano per la profonda storia che li pervade

  9. Veronica ha detto:

    Una tragica fine per un re che ha però lasciato degli importanti palazzi dietro. Tutti bellissimi ma credo che il mio preferito sia il primo, che avevo già sentito nominare per via della Disney, e quello che si ispira al Trianon di Marie Antoinette! I giardini devono essere anch’essi magnifici.

    • Teresa ha detto:

      Neuschwanstein è sicuramente il più famoso, forse proprio per il fatto che Disney ne ha tratto ispirazione. Ma anche gli altri a loro modo meritano una visita!

  10. Elisa ha detto:

    Appena ho visto la foto del Castello Herrenchiemsee con la sua Sala degli Specchi ho pensato a Versailles che ho visitato e che mi ha lasciata senza parole. Tu mi dici che questa è ancor più sorprendente, allora devo proprio vederla con i miei occhi, mi è bastata la foto per farmi innamorare, immaginiamoci a visitarla di persona!

    • Teresa ha detto:

      Posso solo dirti che vedere le foto è una cosa, visitare il castello è tutta un’altra faccenda. Vedi tu… 🙂

  11. Valentina ha detto:

    Uno dei prossimi viaggetti europei che voglio fare è proprio un tour alla scoperta della Baviera, e dei suoi meravigliosi castelli! Questo articolo è super interessante, e davvero utile per la progettazione di questa nuova avventura 🙂

    • Teresa ha detto:

      Sono lieta di sapere che il mio articolo può tornarti utili; vedrai che la Baviera ti piacerà tantissimo!

  12. Eliana ha detto:

    Ecco un altro bel giro che vorrei tanto organizzare! Mi piacerebbe vedere i castelli con la neve per scattare fotografie super suggestive e d’impatto! Magari il prossimo inverno potrei organizzare approfittando della nuova stabilità economica e sperando che per il covid queste mete siano accessibili!

    • Teresa ha detto:

      Io ci sono stata d’estate ed è spettacolare vedere la fioritura dei giardini; ma anche a me piacerebbe tornarci d’inverno, devono essere molto suggestivi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianni e Teresa - I Nonni Avventura *** Sito ottimizzato per risoluzione 1600 x 900 | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress