Gili Air: un paradiso incontaminato

Gili Air

L’isola di Gili Air è una delle tre isole che compongono l’arcipelago delle Gili.

Le altre due sono Gili Meno e Gili Trawangan. Ma quale delle tre scegliere e perche abbiamo optato per Gili Air?

Molto semplice: leggendo varie guide e vari blog abbiamo scoperto le differenze tra le tre location.

L'isola di Gili Air
Il porto di Gili Air

Trawangan è l’isola principale: è molto turistica e affollata, l’ideale per chi cerca movimento e vita notturna.

Gili Meno, invece, è veramente minuscola: il mare è sicuramente stupendo, ma oltre quello non c’è altro, gli alloggi sono molto spartani e l’isola è visitabile in circa 20 minuti.

Per questo motivo, Gili Air ci è sembrato il giusto compromesso: niente folla, ma neanche l’isola deserta di Robinson.

Volendo, potete comunque fare un’escursione alle altre due isole; soprattutto a Gili meno, dove potete rilassarvi per una mezza giornata.

L'isola di Gili Air
Barche a Gili Air

Quando andare a Gili Air

Il periodo migliore per visitare le isole Gili va da aprile ad ottobre.

Le temperature sono gradevoli tutto l’anno, ma nei mesi che corrispondono al nostro inverno esiste la forte possibilità di pioggia torrenziale.

Considerando che non c’è molto da fare, se non le attività connesse al mare, e che un soggiorno alle Gili significa vivere all’aria aperta la maggior parte del tempo, non ha molto senso farsi rovinare la vacanza dalla pioggia.

A noi è capitata una serata di forte pioggia, e muoversi è stato un problema perchè le strade si erano letteralmente trasformate in torrenti.

L'isola di Gili Air
La spiaggia

Se poi i vostri programmi lo permettono, evitate il mese di agosto, quando moltissimi turisti si riversano sulle isole per godersi un pò di relax dopo un giro a Bali o Giava.

Come arrivare all’isola di Gili Air

Il traghetto è l’unico modo per arrivare. Dovrete recarvi al porto di Padangbai a Bali, da dove vi imbarcherete per la vostra destinazione.

Ci sono varie compagnie che effettuano questo servizio, e che applicano delle tariffe diverse. Anche la frequenza delle partenze cambia a seconda della compagnia. In questo sito trovate comunque tutte le informazioni che vi servono.

Oltre che il prezzo, controllate anche se la compagnia effettua il servizio di pick up dal vostro hotel.

La spiaggia di Gili Air
La spiaggia di Gili Air

In generale, la durata del viaggio è di un’ora e mezzo, perchè il traghetto fa una sosta anche a Lombock per scaricare e caricare passeggeri, dopo aver toccato Gili Air proseguirà per Gili Trawangan.

Se invece siete a Lombock, potete considerare di prendere anche il traghetto pubblico; in questo caso troverete prezzi e orari direttamente nel porto di Lombock.

Dove dormire

Come dicevo, l’isola è piccola, ma si sta aprendo al turismo, di conseguenza stanno nascendo sempre nuove possibilità per soggiornarvi. Però al momento la disponibilità non è enorme, quindi io vi suggerirei di prenotare con anticipo, eviterete così di trovare tutto pieno!

Ma non aspettatevi resort di lusso, overwater bungalows o cose simili; ci sono degli hotel molto carini e in cui si sta davvero benissimo, ma niente sfarzo eccessivo.

Il mare di Gili Air
Il mare di Gili Air

Noi avevamo optato per il Manta Dive Resort, non tanto perchè è considerato il migliore dell’isola, ma soprattutto perchè è situato sul lato dell’isola considerato il migliore per lo snorkeling.

Dove mangiare

Avete l’imbarazzo della scelta; sul perimetro esterno dell’isola, proprio sul mare, ci sono tantissimi ristoranti.

Praticamente tutti servono dell’ottimo pesce e cibo locale; qualcuno offre anche la pizza o la pasta, ma vi consiglierei di lasciar perdere.

I prezzi sono bassi; in generale non spendevamo mai più di 15/20 euro per una cena; a mezzogiorno invece ci arrangiavamo in spiaggia con un panino, un’insalata o comunque qualcosa di leggero.

A proposito, vi consiglio di arrivare sull’isola con un bel pò di contanti perchè difficilmente accettano le carte di credito e per il momento non esiste un ATM dove prelevare.

Temporale in arrivo
Temporale in arrivo

L’isola di Gili Air

Ed eccoci a destinazione! Finalmente siamo a Gili Air.

La prima cosa che dovete fare è noleggiare un carretto che vi porti al vostro alloggio. Eh si, qui a Gili non ci sono strade, ma solo sentieri, alcuni sono degli sterrati, altri piste di sabbia.

Il nostro hotel era davvero molto vicino al porto, ma trascinare le valigie nella sabbia era davvero faticoso, quindi abbiamo contrattato il prezzo con un ragazzo del posto per farci portare a destinazione con il carretto tirato dagli asinelli.

Questo è infatti l’unico mezzo di trasporto, a parte le biciclette e qualche motorino.

Noi ci siamo mossi prevalentemente a piedi; è il modo migliore per girare l’isola, fermandosi ad ammirare il panorama o buttandosi in acqua per un bagnetto rinfrescante.

Al ristorante
Al ristorante

Per fare il giro dell’isola ci vuole davvero pochissimo, quindi tutti i giorni ci facevamo una bella passeggiata; percorrevamo tutto il perimetro dell’isola, costeggiando la riva del mare fino a ritornare al punto di partenza.

Non dimenticate di portare con voi le scarpette da snorkeling; in alcuni tratti ci sono delle rocce che potrebbero ferirvi i piedi.

E a proposito di snorkeling: Gili Air in questo senso è un piccolo paradiso! Abbiamo visto tantissimi pesci e, in un paio di occasioni, ci siamo imbattuti con delle tartarughe che nuotavano pacifiche proprio davanti al nostro resort. Che emozione!

Escursioni

Si possono fare alcune escursioni; la più popolare è una mezza giornata a Gili Meno per visitare l’isola e fare snorkeling.

Tartaruga nel mare di Gili Air
Tartaruga nel mare di Gili Air

Potete informarvi sui prezzi e sugli orari presso una delle tante agenzie che troverete sulla spiaggia.

Oppure potete fare immersioni, esiste un ottimo centro diving (proprio all’interno dell’hotel che avevamo scelto); qui potete prendere il patentino, se già non lo avete e poi divertirvi ad esplorare le acque cristalline di Gili Air.

Infine, come abbiamo fatto noi, potete farvi organizzare una battuta di pesca. In realtà non abbiamo pescato niente, però è stata una divertente gita in barca dalla quale siamo tornati rossi come due peperoni!

Potrebbero interessarti anche questi articoli:
Il nostro itinerario di viaggio in Indonesia
Le risaie di Bali, patrimonio dell’Unesco
Yogyakarta: cosa vedere in due giorni
Prambanan, il fascino della religione hinduista
Borobudur, il tempio buddhista a Java
I templi di Bali
Perchè visitare Ubud durante il vostro viaggio a Bali


16 Comments to Gili Air: un paradiso incontaminato

  1. Daniele ha detto:

    Stupende le Gili, davvero. Io ho avuto modo di fare un salto partendo da Lombok, con una delle loro barchette pensate per 3 o 4 persone. Bellissima esperienza ?

    • Teresa ha detto:

      Io avrei voluto fare il contrario, fare un salto a Lombock dalle Gili; ma sinceramente stavamo così bene in totale relax che alla fine ci abbiamo rinunciato!

  2. Avete fatto davvero un ottima scelta. Dal racconto e dalle foto si evince che siete stati in un vero paradiso naturale. Mi piacerebbe molto esplorare questi fondali con pinne e maschera.

  3. Maddalena ha detto:

    Anche voi siete stati a Gili Air! A me è rimasta impressa la lentezza della vita e delle giornate che scorrono, il cibo fresco e i localini in riva al mare.. rigenerante!

    • Teresa ha detto:

      Era proprio quello che cercavamo, dopo due settimane in giro per Giava e Bali avevamo proprio bisogno di relax…. e lo abbiamo trovato!

  4. Simona ha detto:

    Condivido la vostra scelta, in questo modo si riesce a vivere una vacanza all’insegna del relax senza necessariamente annoiarsi però. Seguirò sicuramente anche io il vostro esempio per un futuro viaggio!

    • Teresa ha detto:

      Non amiamo molto la folla, però trascorrere un pò di giorni su un’isola proprio deserta non è proprio il top; penso che chiunque, anche un grande appassionato di mare alla fine si annoierebbe. Gili Air è stato il giusto compromesso!

  5. Daniela ha detto:

    Penso che opterei anch’io per questa via di mezzo, anche se non nego che mi ispira moltissimo anche Gili Meno. Sarà perché amo i luoghi ancora incontaminati!

    • Teresa ha detto:

      Gili Meno, secondo me, va bene per un soggiorno di un paio di giorni, poi credo diventerebbe noiosa… ma naturalmente questa è solo la mia opinione!

  6. Questa è la prima volta che sento parlare di Gili Air e delle isole Gili in generale, e infatti ammetto di aver dato un’occhiata a google maps per localizzarle. Così ora c’è un altro posto da aggiungere alla mia lunghissima lista di posti da vedere!
    Mi sembra il posto ideale per una vacanza super rilassante. E che bella la spiaggia, con quell’acqua trasparente.

    • Teresa ha detto:

      Anche io fino a qualche anno fa non le conoscevo; poi ho cominciato a vedere foto e me ne sono innamorata. Quindi, quando è stato il momento di partire per l’Indonesia abbiamo aggiunto qualche giorno di relax in questa splendida isola!

  7. ANTONELLA ha detto:

    Mi sembra proprio il posto ideale dove rilassarsi, passeggiare e fare snorkeling! Ottima la scelta di un giusto compromesso tra fasti mondani e totale solitudine, ci vorrebbe proprio una vacanza così dopo questo periodo di cupezza e preoccupazioni!

  8. paola ha detto:

    Mi piacerebbe molto tornare alla Gili. Ci sono stata una ventina di anni fa. Mi ricordo che di sera si usavano i generatori a gasolio per tenere le luci accese. Dalle tuo foto mi sembra che le cose siano migliorate. Il mare però è la meraviglia di sempre.

    • Teresa ha detto:

      I generatori di cui parli io onestamente non li ho notati; è comunque un posto molto spartano, niente lussi, ma il mare ti ripaga ampiamente di qualsiasi cosa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianni e Teresa - I Nonni Avventura *** Sito ottimizzato per risoluzione 1600 x 900 | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress