Cosa vedere a Carcassonne in un giorno

Cosa vedere a Carcassonne

Vedere Carcassonne è come tornare magicamente indietro nel tempo, all’epoca di dame e cavalieri, castelli e torrioni. Io avevo visto molte foto di questa cittadina francese, ma devo dire che la realtà ha di gran lunga superato le mie aspettative. L’unico problema è stato il tempo non molto clemente che ogni tanto ci costringeva ad una rapida corsa verso un luogo coperto, ma per il resto la nostra visita è stata esaltante.

Carcassonne è famosa per la sua Cittadella fortificata, che è patrimonio mondiale dell’Unesco a partire dal 1997. E’ stata set di parecchi film, tra i quali “Robin Hood il re dei Ladri”, con Kevin Costner e Sean Connery, e “Giovanna d’Arco” del regista Luc Besson.

La città non è enorme e si riesce tranquillamente a vedere tutte le attrazioni di Carcassonne in una giornata piena, anche perchè la maggior parte delle sue bellezze sono abbastanza concentrate.

Come arrivare a Carcassonne

Cosa vedere a Carcassonne
Fiume Aude

Carcassonne si trova nella nel sud della Francia e più precisamente nella regione dell’Occitania. Potete raggiungerla in aereo. Carcassonne però dispone solo di un piccolo aeroporto, quindi non troverete voli diretti dall’Italia, ma dovrete fare scalo a Tolosa, che dista circa 80 chilometri da Carcassonne. Non è una soluzione comodissima, pertanto una volta arrivati a Tolosa vi consigliamo di proseguire in treno. In questo modo risparmierete tempo e avrete il vantaggio di arrivare proprio nel centro della città.

In automobile, come abbiamo fatto noi, dovrete percorrere l’autostrada che porta verso Tolosa, ma troverete il casello di uscita per Carcassonne ben prima.

Cosa vedere a Carcassonne: Cittadella Fortificata Medievale o Cité Médiévale

Carcassonne si divide in due parti; la prima e più famosa è l’antica cittadella fortificata che tutti abbiamo visto almeno una volta in foto e che rende questa città così particolare e famosa. L’altra parte, che molte volte i visitatori trascurano per mancanza di tempo, è la Bastide Saint-Louis o Città Bassa.

Vi consigliamo di cominciare dalla cittadella, che viene affettuosamente chiamata “la Citè“. Ed è questo il nome che troverete sulle indicazioni stradali che vi porteranno alla meta. Non è difficile arrivarci, un pò più difficile è trovare un parcheggio nelle immediate vicinanze. In realtà i parcheggi ci sono, ma sono presi d’assalto da una quantità immane di visitatori. Per questo motivo vi consiglio di arrivare abbastanza presto, intanto per evitare problemi con il posteggio e per evitare folle.

Noi avevamo parcheggiato in una vasta area nei pressi di Porta Narbonne, non più di 5 minuti a piedi; abbiamo scoperto dopo che c’è anche la navetta che fa la spola dal parcheggio alla Citè, ma abbiamo preferito andare a piedi per evitare attese.

Cosa vedere a carcassonne
Porta Narbonne

Porta Narbonne

Ci sono ben 4 porte che introducono alla cittadella di Carcassonne; esse sono Porte de l’Aude, Porte du Bourg, Porte Saint Nazaire e Porte Narbonne (o Narbonnaise). Quest’ultima è considerata la principale, ed è quella che vi consigliamo di scegliere per iniziare la vostra visita.

I motivi per cominciare da qui la visita sono molti. Innanzitutto, è da qui che parte il giro dei bastioni che vi permetterà di vedere Carcassonne dall’alto e di apprezzare l’atmosfera medievale della fortezza. Questa attività e gratuita, così come l’ingresso alla cittadella, e si può effettuare in piena autonomia. Noi ne abbiamo fatto solo un tratto, perchè poi ha cominciato a diluviare e abbiamo dovuto cercare un posto riparato.

Un’altra ragione per scegliere Porta Narbonne è la presenza di un cimitero proprio prima del suo ingresso; non saprei dirvi a quale epoca risalga, ma le date su alcune lapidi erano piuttosto vecchie. In ogni caso l’atmosfera è molto suggestiva e merita una puntatina.

Infine, da porta Narbonne parte un trenino che vi porterà in giro per la cittadella se siete troppo pigri per camminare; non saprei dirvi il prezzo, perchè non ne abbiamo usufruito, ma so per certo che è a pagamento.

E adesso, attraversiamo un piccolo ponte che attraversa un fossato vuoto ed entriamo nella magia!

Cosa vedere a Carcassonne: Castello Comtal

Cimitero di Carcassonne
Cimitero di Carcassonne

Una volta entrati, vi troverete a percorrere un dedalo di viuzze molto affascinanti e pittoresche, se non fosse che sono piene di negozi che vendono souvenir di tutti i tipi e dove a tratti bisogna un pò sgomitare per farsi strada.

Finalmente arriverete al pezzo forte della visita, cioè il castello. E l’unica parte della visita per la quale dovrete pagare, 9,50 euro a persona. Il biglietto è valido 24 ore, quindi potete entrare e uscire dal castello a vostro piacimento. Per inciso, visto che abbiamo visitato Carcassonne in periodo Covid, è stato qui che per la prima volta ci hanno chiesto il “pass sanitair”, cioè il Green Pass.

La visita è entusiasmante, ma io l’ho trovata anche piuttosto stancante. Si attraversano tutta una serie di sale, una parte delle quali adibite a museo; ma ci sono tantissime scale e si attraversa una parte dei bastioni, passando da una torre all’altra. Mi meraviglia che nessuno, all’ingresso, avverta che la visita è faticosa e quindi non adatta a tutti. Particolarmente faticosa, ma anche emozionante, è la salita sulla più alta tra le 52 torri, chiamata “le coeur du Midi“.

Il castello fu costruito nel XII secolo, ma quella che possiamo ammirare oggi non è la struttura originale, visto che l’edificio è stato sottoposto a vari restauri e ristrutturazioni.

Basilica di Saint Nazaire

Cosa vedere a Carcassonne
La Citè

Poco distante dal castello, c’è la Basilica di Saint Nazaire, se prestate attenzione potete vederla già mentre percorrete l’ultimo tratto dei bastioni. E’ un miscuglio tra stile gotico e romanico, purtroppo alcune delle parti esterne erano ricoperte da impalcature, quindi non abbiamo potuto ammirarla in tutto il suo splendore.

Quello che mi ha colpito molto sono le sue vetrate che, dicono, sono tra le più belle nel sud della Francia e l’enorme rosone che ne decora la facciata. Per il resto non posso dire che mi sia piaciuta molto, forse perchè molto buia o forse perchè piena di gente.

La chiesa è molto antica, risale al secolo XI, ed è stata la sede dell’eresia catara; nel corso del tempo, anche essa, come il castello, ha subito dei restauri, ma sembra che fondamentalmente essa abbia mantenuto la struttura originale.

Infine, sappiate che essa vanta l’organo più antico di Francia; per questo motivo, nei mesi estivi, molti celebri organisti visitano la chiesa per potersi cimentare con il suo organo.

Pont Vieux

Le Pont Vieux - Ponte vecchio
Le Pont Vieux – Ponte vecchio

Il Pont Vieux, cioè Ponte Vecchio, è il lungo ponte che attraversa il fiume Aude e che unisce la cittadella alla terraferma. E’ probabilmente il modo più romantico per giungere alla Citè, ma non il più comodo; intanto nella zona ci sono pochi parcheggi, ma soprattutto perchè dovrete percorrere ben 225 metri in più per giungere a destinazione.

Il ponte fu costruito nel XIV secolo, e conta ben 12 arcate; il tempo e gli agenti metereologici hanno avuto il loro effetto anche sul ponte, per cui sono stati necessari dei lavori per mantenerlo in funzione, anche se in questo modo la sua struttura originale è andata persa.

Il Pont Vieux andrebbe visto di sera, quando è tutto illuminato; ma anche di giorno è estremamente affascinante. Percorrendolo, soprattutto in estate, potreste notare la presenza di vari pellegrini che sfoggiano una conchiglia sul cappello o sui loro abiti; questo perchè il ponte fa parte del Cammino di Santiago di Compostela.

E’ aperto tutto l’anno, tranne che in occasione del 14 luglio, la festa nazionale francese: in questa occasione, si tiene un imponente spettacolo pirotecnico, per cui il ponte viene chiuso per motivi di sicurezza.

Per ogni altra informazione sulla cittadella di Carcassonne e sulle cose da vedere al suo interno, potete consultare il sito ufficiale.

Cosa vedere a Carcassonne: Bastide Saint-Louis o Città Bassa

Basilica di Saint Nazaire
Basilica di Saint Nazaire

La città bassa è la parte più nuova della città; o forse sarebbe meglio dire che è la parte meno antica, visto che anche in questa area ci sono comunque edifici di valore culturale e storico. Certo che, in una visita, la priorità va data alla Citè, ma, se non siete troppo stanchi e avete ancora del tempo, vi consigliamo di farci un giro per dare almeno una occhiata alle attrazioni di questa parte di Carcassonne.

Cattedrale di Saint Michel

La Cattedrale di San Michele fu eretta per volere re Luigi IX nel 1247; solo quattro decenni dopo fu necessario ampliarla, visto che essa si rivelò troppo piccola per poter contenere il numero dei fedeli che la frequentavano. Quando nel 1355 Carcassonne fu data alle fiamme dalle truppe del Principe Nero (l’erede al trono d’Inghilterra) durante la Guerra dei Cento Anni, la cattedrale fu uno dei pochi edifici a uscirne indenne.

Al tragico evento, seguì la ricostruzione; in questa occasione, l’edificio religioso venne incorporato nelle mura fortificate della città e fu circondato da una rete di fossati protettivi. Oggi, i fossati sono stati riempiti e pertanto non ne resta più traccia.

E’ la chiesa più importante della città, visto che la sede vescovile è stata spostata qui dalla Basilica di Saint Nazaire.

Place Carnot

Place Carnot
Place Carnot

E’ la piazza principale della città, situata a pochissimi minuti di distanza dalla stazione ferroviaria. Un tempo veniva chiamata “Piazza delle Erbe“, poichè era qui che si teneva il mercato delle verdure e della frutta. In realtà questa tradizione non è cambiata, e se siete in zona al giovedì o al sabato potrete verificarlo voi stessi, visto che la piazza si riempie di bancarelle che vendono la loro mercanzia.

Piazza Carnot è un luogo di incontro per gli abitanti di Carcassonne, che si danno appuntamento davanti alla bellissima fontana di marmo rosa che si trova nel centro; è piena di vita anche alla sera, visto che sono tanti i bar e ristoranti dove potrete cenare o gustare un aperitivo. Un tempo, erano molti i personaggi illustri che bazzicavano questa piazza; tra questi, basta citare due nomi, Honoré de Balzac e Stendhal.

Notre Dame de la Santé

Notre Dame da la Santè
Notre Dame da la Santè

Percorrendo il Pont Vieux, proprio sull’argine del fiume Aude, vedrete una piccola cappella; si tratta di Notre Dame de la Santè, cioè Nostra Signora della Salute. Il nome deriva dal fatto che essa, un tempo, era la cappella di un ospedale adesso riconvertito in residenza per anziani.

La chiesetta ha avuto vita travagliata a causa delle piene del fiume che spesso esonda e allaga l’edificio. I segni della furia del fiume si possono vedere sui muri esterni. In effetti, la chiesa non sembra molto interessante vista dall’esterno, ma se avete il tempo di vederne l’interno resterete stupiti. Innanzitutto vi colpiranno le vetrate colorate che lasciano passare la luce all’interno, e se alzerete lo sguardo vedrete delle ricche e finissime decorazioni sulla volta. In fondo all’unica navata c’è una statua che raffigura una Madonna col Bambino.

Non è raro incontrare dei pellegrini all’interno della chiesa, visto che anche questa fa parte del Cammino di Santiago di Compostela.

Cosa vedere a Carcassonne: Canal du Midi

Canal du Midi
Canal du Midi

La cosa che mi è piaciuta di più della Città Bassa è stato il pezzo del Canale du Midi che passa nelle vicinanze. Immagino che sappiate già che questo canale, chiamato anche dei Due Mari, è un’opera ingegneristica pazzesca: esso congiunge il Mar Mediterraneo con l’Oceano Atlantico attraversando il sud della Francia.

Molti tratti del canale sono navigabili, e la parte che attraversa Carcassonne lo è; infatti, abbiamo visto moltissime imbarcazioni ormeggiate proprio fuori dal porticciolo che si trova davanti alla stazione ferroviaria. Erano delle houseboat, cioè delle barche adibite ad abitazione dove la gente trascorre le vacanze o, in alcuni casi ci vive tutto l’anno. Nel porto, invece, abbiamo visto delle imbarcazioni più grandi che danno la possibilità ai turisti di fare un giro pagando un biglietto abbastanza modico.

L’idea di vedere Carcassonne dal fiume ci piaceva da morire, ma ahimè non abbiamo potuto fare la nostra gita per due ragioni: intanto il tempo era molto incerto e rischiavamo di prenderci una bella bagnata (di nuovo) e soprattutto era piuttosto tardi e l’ultimo giro era già tutto prenotato. Che disdetta!

Quindi ci siamo accontentati di fare una lunga passeggiata lungo il canale e a invidiare coloro che in quel momento lo stavano navigando!

Dove dormire a Carcassonne

Cortile del Castello
Cortile del Castello

Trovare un hotel a Carcassonne non è difficile, trovare un hotel economico è un’altra faccenda! Come avrete capito, la città è fortemente turistica, quindi i prezzi delle strutture ricettive sono mediamente abbastanza elevati.

Per risparmiare posso darvi un paio di consigli: innanzitutto, evitate gli hotel all’interno della cittadella, perchè i prezzi sono davvero esagerati. Cercate di evitare anche la zona della Bastide, perchè i prezzi sono inferiori, ma restano abbastanza alti.

La zona migliore della città dove prenotare è la prima periferia, anche se magari poi dovrete prendere la vostra auto o un taxi per spostarvi. E soprattutto cercate un hotel di qualche catena economica come il Campanile o Ibis. Noi avevamo scelto un Ibis Budget che distava poco dalla Cittadella e dal Pont Neuf; il prezzo era accettabile e comprendeva la colazione.

Ovviamente il livello della camera era davvero abbastanza budget, nel senso che era molto piccola e i comfort offerti non erano moltissimi, ma visto che dovevamo starci solamente una notte andava bene lo stesso!

Dove mangiare a Carcassonne

Per quanto riguarda il mangiare, c’è una scelta molto vasta. Potete mangiare nella cittadella, dove troverete ristoranti, creperies, e tanti altri localini simpatici e pittoreschi che servono panini e snack vari.

Spostandovi nella Città Bassa, soprattutto nella zona di Piazza Carnot, troverete delle pizzerie e dei ristoranti più impegnativi (dal punto di vista economico) che servono pesce o specialità della cucina francese. I prezzi variano a seconda del ristorante e del tipo di pietanze che ordinerete, ma tutto sommato non sono economici.

Infine, in periferia, troverete i ristoranti di alcune catene internazionali e non. Abbiamo visto un Burger King, un McDonald’s, e un Buffalo Grill. Quest’ultimo appartiene ad una catena francese, ispirata al vecchio Far West, che serve soprattutto hamburger e bistecche. Se non lo conoscete, vi consiglio di provarlo, il cibo è buono e l’atmosfera molto simpatica.

I bastioni della Cittadella
I bastioni della Cittadella

Potrebbero interessarti anche questi articoli:
Le spiagge dello sbarco in Normandia: consigli per la visita
La fioritura della lavanda in Provenza
Cosa vedere in Bretagna: informazioni e consigli utili
Quali sono i più bei Castelli della Loira da visitare
Viaggio in Camargue, il paradiso sul Delta del Rodano


30 Comments to Cosa vedere a Carcassonne in un giorno

  1. Paola ha detto:

    Ho sentito parlare e letto così tanto di Carcassone, questo gioiellino quasi incastonato nella storia, che mi sembra di conoscerlo da una vita, ma in realtà non ci sono mai stata!
    Devo sicuramente rimediare!

    • Teresa ha detto:

      Che bella l’espressione che hai usato, incastonato nella storia; è una definizione che calza benissimo a Carcassonne!

  2. ERMINIA SANNINO ha detto:

    Mi ha sempre suscitato molto interesse Carcassonne. Da Barcellona dista poco più di tre ore, eppure, non sono ancora riuscita ad organizzare una visita oltre frontiera. Adoro i paesini medievali e tutta l’atmosfera che si respire in queste zone. Spero di poterci andare presto.

    • Teresa ha detto:

      Anche noi ci abbiamo messo un pò ad andare a visitarlo, ma il viaggio in Spagna ce ne ha dato l’opportunità. E ne sono felice!

  3. Eliana ha detto:

    Dovevo andarci questa estate ma poi per alcune vicende famigliari è saltato tutto. Questi sono luoghi che devo visitare da sola, continuo a dirmelo, ma poi non ho mai tempo di organizzare. Spero di rifarmi prestissimo, Carcassone è magica!

    • Teresa ha detto:

      Io spero che tu riesca a trovare il tempo per organizzare una visita e a realizzarla, perchè Carcassonne è veramente uno spettacolo, va assolutamente vista almeno una volta nella vita!

  4. Martina ha detto:

    Quest’articolo capita proprio a fagiolo perché vorrei andare a visitare presto questa splendida città, addirittura da Barcellona si può fare in giornata (anche se ti spari 3 ore di macchina all’andata e 3 ore al ritorno) prendo nota dei tuoi suggerimenti per la visita!

    • Teresa ha detto:

      Che importa quanto tempo ci vuole? Io penso che ne valga davvero la pena, sono sicura che confermerai la mia opinione una volta che avrai visitato questa meraviglia!

  5. Sara Slovely.eu ha detto:

    Ho un bellissimo ricordo di Carcassonne, durante un capodanno di qualche anno fa. C’erano pochissimi turisti e l’atmosfera era davvero magica al calare della sera. Ho anche mangiato bene e senza spendere troppo, nonostante fosse capodanno. I tuoi articoli e soprattutto le tue bellissime foto mi hanno fatto tornare alla mente tanti bei ricordi, grazie! 🙂

    • Teresa ha detto:

      Anche io serberò un ottimo ricordo di questa città, mi ha proprio affascinata con le sue atmosfere medioevali e mi piacerebbe tornarci!

  6. Veronica ha detto:

    Il nome non mi giunge nuovo ma non mi ero mai soffermata a vedere cosa ci fosse d’interessante. I paesi francesi medievali hanno quall’aria quasi da sogno di epoche passate che vorrei scoprirli tutti. La vista dal Pont Vieux poi è davvero spettacolare.

    • Teresa ha detto:

      E’ vero, la Francia è molto ricca di borghi medioevali da scoprire; Carcassonne è uno di questi, magico e affascinante!

  7. Elena ha detto:

    Un borgo medievale decisamente caratteristico e particolare. Mi piacciono un sacco i luoghi come Carcassone. Io mi concentrerei tantissimo sulla parte più antica e scatterei tantissime foto.

    • Teresa ha detto:

      Anche a noi è piaciuta di più la parte vecchia della città; quanto alle foto, non hai idea di quante ne abbiamo scattate noi!

  8. Arianna ha detto:

    Ogni volta che vedo un pezzo di Francia ne sono affascinata, castelli, spunti medievali, angoli suggestivi, non sono mai stata in questa città ma ne sono già affascinata

    • Teresa ha detto:

      La Francia è una nazione molto ricca di attrazioni, Carcassonne è una di queste; sono sicura che vederla dal vivo ti piacerebbe molto!

  9. Claudia ha detto:

    Adoro le città fortificate e Carcassone sembra davvero uscita da un film o un libro di fiabe!

  10. Libera ha detto:

    Non ci crederai ma sono stata a Carcassone di passaggio e mi è piaciuta molto . Grazie al tuo itinerario potrò indubbiamente tornarci e visitare anche tutto quello che mi sono persa.

  11. Sara ha detto:

    Bellissima l’ultima foto.
    Ero stata a Carcassonne solo una notte, come tappa di un lunghissimo viaggio in bus verso Barcellona. Mi affascina molto, non mi dispiacerebbe in futuro una visita approfondita. Da azzeccare bene il periodo perché a quanto ho capito è molto più turistica di quanto mi ricordi!! 🙂

    • Teresa ha detto:

      Carcassonne non si può vedere solo di passaggio, solo la Cittadella merita almeno una mezza giornata di visita, se puoi tornaci a vederla per bene!

  12. ANTONELLA ha detto:

    Ho sempre pensato a Carcassonne come una città molto romantica e ti ringrazio per questo post perché stavo proprio per organizzare un week end nelle vacanze di Natale. Magari riesco anche a trovare parcheggio!

  13. Patrizia ha detto:

    Che luogo magico, sembra di ornare indietro nel tempo! Mi manca proprio questa zona da visitare e Carcassone mi è capitata recentemente anche in due libri. Segno del destino?

    • Teresa ha detto:

      Io credo molto nel destino, molti dei miei viaggi sono nati vedendo documentari o leggendo libri, magari è così anche per te!

  14. Conosco Carcassone di nome e per aver visto delle foto online, ma non ci sono mai stata. E sinceramente non la immaginavo così bella! Mi piace molto Place Carnot, e soprattutto immagino la vista del Ponte Vecchio di sera: chissà che spettacolo deve essere!

  15. Noi ci fermiamo spesso a Carcassone durante i nostri viaggi on the road in terra francese, E’ una delle mie tappe preferite soprattutto perchè adoro mangiare Intra muros, nelle tipiche brasserie dove servono anatra e crepes salate. La lascio sempre a malincuore.

    • Teresa ha detto:

      Anche noi abbiamo pranzato all’interno della Cittadella, una cosa veloce perchè volevamo cominciare la nostra visita, ma le crepes che abbiamo preso erano fantastiche!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianni e Teresa - I Nonni Avventura *** Sito ottimizzato per risoluzione 1600 x 900 | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress