Locorotondo, il pittoresco borgo in Puglia

Il borgo di Locorotondo

Locorotondo è un bellissimo e pittoresco borgo della Puglia. Fa parte della provincia di Bari, anche se dista pochissimi chilometri dal confine con la provincia di Taranto e dal mar Ionio.

Sono molti i motivi per visitare questa cittadina, che vi incanterà con la sua atmosfera, i suoi edifici e il suo rinomato vino.

Borgo di Locorotondo
L’ingresso al centro storico di Locorotondo

Come arrivare al borgo di Locorotondo

Potete raggiungere il borgo di Locorotondo in macchina o in treno, sia partendo da Bari che da Taranto.

Trovate tutte le indicazioni dettagliate sul sito ufficiale della città. Il mio suggerimento, se siete in auto, è di raggiungere Martina Franca e di visitarla, e poi spostarvi a Locorotondo; si tratta infatti di paesi non troppo grandi, per questo potete visitarli entrambi in una giornata.

Parcheggiare l’auto

Il centro storico di Locorotondo è rigorosamente pedonale, del resto, vista la larghezza di molti dei suoi vicoli non potrebbe essere diversamente. Questo significa che dovrete parcheggiare l’auto al di fuori di questa zona e poi esplorarla a piedi.

Da quello che abbiamo visto, i parcheggi vicini al cuore del borgo non sono moltissimi e sono tutti a pagamento; quindi, vi consiglio di infilarvi nel primo parcheggio che trovate, senza tentare di trovarne uno più vicino. Noi, fiduciosi e sprovveduti, lo abbiamo fatto ma senza nessun risultato.

Negozietto nel centro di Locorotondo
Negozietto nel centro di Locorotondo

Cosa vedere nel borgo di Locorotondo

Tutti i paesini della Valle d’Itria, da Alberobello a Cisternino a Martina Franca, hanno una atmosfera molto particolare; ma quello che rende speciale il borgo di Locorotondo è la sua posizione.

Arrivando con la macchina, lo vedrete da distante, in cima alla collina, con i suoi edifici bianchi, molto simile ad una antica città medievale. Non perdete l’occasione di fare una piccola sosta per scattare un pò di foto, perchè davvero ne vale la pena.

Il bianco dei suoi edifici la rende una città luminosa, magica; anche per noi, che l’abbiamo visitata con una temperatura assurda in una torrida giornata d’agosto, è stata subito magia. Anche soltanto passeggiare tra i vicoli, ammirando le piccole botteghe che vendono oggetti tipici e i balconi fioriti vi farà innamorare del borgo di Locorotondo.

Ma vediamo quali sono le cose che meritano una sosta un pò più approfondita.

Piazza Vittorio Emanuele

E’ considerato il salotto buono del paese, dove i locali si fermano per sedersi al bar e bere qualcosa; noi lo abbiamo fatto, anche perchè è proprio qui che si trova l’ufficio del turismo, dove ci siamo procurati una mappa.

Palazzo Morelli
Palazzo Morelli

Palazzo Morelli

Nei pressi del Palazzo Comunale, troverete quello che secondo me è l’edificio più bello di tutta la città: Palazzo Morelli. Non potrete fare a meno di notarlo, perchè si distingue da tutti gli altri edifici.

Non è particolarmente antico, visto che risale “solo” al 1819, ma la sua facciata decorata con maschere e volute è un tipico esempio del barocco pugliese. Immancabili i piccoli balconi, adorni di ringhiere in ferro battuto.

Torre dell’Orologio

Molto più antica è la Torre dell’orologio, risalente alla fine del ‘700. Essa è proprio adiacente a Palazzo Morelli. Un tempo, la torre fu sede dell’università, ma oggi ospita l’Archivio di Locorotondo.

Il borgo di Locorotondo
Chiesa di Santa Maria della Greca

Chiesa Madre di San Giorgio

Si tratta della chiesa principale, dedicata al patrono della città. La chiesa attuale, quella che si può vedere oggi, è stata costruita nel luogo dove un tempo sorgeva un’altro edificio religioso, sempre dedicato a San Giorgio.

Costruita in stile neoclassico e completata intorno al 1825, ha il timpano decorato con la figura di San Giorgio con l’immancabile drago. Gli angoli sono invece abbelliti da statue di San Pietro e San Paolo.

L’interno presenta un mix di stili che vanno dal barocco, al neoclassico e al rinascimentale.

Chiesa di Santa Maria della Greca

E’ la chiesa più antica, visto che risale addirittura al 1480, anche se la data non è certa. Ma lo stile spoglio e austero fanno comunque intuire che la struttura è molto vecchia.

L’esterno mi ha colpita molto, ma la parte interna di più, visto che è decorata con un rosone traforato e delle statue. E’ bellissima soprattutto la scultura che rappresenta San Giorgio, trasferita qui dalla chiesa principale e che risale al 1559.

Una piccola piazza fiorita
Una piccola piazza fiorita

La Valle d’Itria e i trulli

La Valle d’Itria è famosa per i suoi trulli, tipiche costruzioni pugliesi che un tempo erano utilizzati come abitazioni dai contadini, o come rimesse per riporre gli attrezzi.

Se ne trovano moltissimi, sparsi in giro nella campagna, anche se la massima concentrazione si raggiunge ad Alberobello. Locorotondo vi offre una opportunità unica in questo senso.

Percorrendo Via Nardelli, che i locali chiamano anche il “Lungomare“, potrete ammirare lo spettacolo della Valle d’Itria punteggiata da tantissimi trulli; se siete fortunati e siete nel borgo in una giornata particolarmente limpida, potreste riuscire a vedere anche il mare.

Se avete tempo, potreste anche recarvi in contrada Marziolla per vedere il trullo più antico di tutti, che risale al 1509.

Panorama sulla Valle d'Itria
Panorama sulla Valle d’Itria

Eventi nel borgo di Locorotondo

Il principali evento che si svolge a Locorotondo è la festa patronale che si svolge in aprile e che è dedicata a San Giorgio. E’ talmente sentita dalla popolazione che la durata è di più giorni, dal 17 al 24 aprile.

Nel corso di queste giornate ci sono i riti religiosi, ma anche concerti, la fiera di primavera e l’immancabile spettacolo pirotecnico. Le strade della città vengono abbellite con le tradizionali luminarie.

Una seconda festa che coinvolge la cittadina è la festa di San Rocco, che si tiene dal 14 al 17 agosto. Infatti, quando noi abbiamo visitato Locorotondo in agosto, le vie della città erano addobbate a festa (come potete vedere dalla foto sotto).

Infine, il borgo di Locorotondo ospita da qualche anno a questa parte il Locus Festival, una manifestazione musicale di importanza internazionale che vanta ospiti di tutto rispetto.

Il borgo di Locorotondo
La strada principale del borgo

I ristoranti nel borgo di Locorotondo

E veniamo all’argomento clou: mangiare a Locorotondo. I ristoranti più tipici e caratteristici sono tutti concentrati nel centro storico, con i tavolini apparecchiati negli stretti vicoli; ce ne sono tantissimi e c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Il problema è che nel periodo di altissima stagione è difficile trovare un posto libero, se non avete effettuato una prenotazione. Quindi, se intendete recarvi in questa città, organizzatevi per tempo.

Le specialità da gustare sono tante, tipiche della cucina pugliese: innanzitutto le famose orecchiette, condite con le cime di rapa o semplicemente con del buon ragù. Poi carne alla brace di vario tipo, galletto castrato al forno, gnummeridd suffuchet (involtini soffocati), cottie (cotoletta con mozzarella e funghi) e tante altre cose.

Infine, non dimenticate di gustare un ottimo calice di Locorotondo, un vino bianco prodotto nella zona e famoso in tutto il mondo. E’ talmente buono che per un periodo è stato servito sui voli intercontinentali di Alitalia.

Ristorante in un vicolo
Ristorante in un vicolo

Visita Locorotondo con i tour Civitatis

Potrebbero interessarti anche questi articoli:
Visitare Castel del Monte
Santa Maria di Leuca, la regina del Salento


38 Comments to Locorotondo, il pittoresco borgo in Puglia

  1. Valentina ha detto:

    Ho sentito parlare molto di Locorotondo ultimamente, e anche molto bene! Vedo dal vostro articolo (e dalle vostre belle foto) che si tratta proprio di un bellissimo paese! Possiede quell’atmosfera luminosa, antica e senza tempo che solo certe città pugliesi hanno.

  2. Valeria ha detto:

    Ci sono stata da pochissimo (prima dell’ultimo lockdown). Non ero mai stata in Puglia, ma quanto è bella?! E quanti borghi da vedere!

    • Teresa ha detto:

      La Puglia è una delle regioni più belle d’Italia; e lasciatelo dire da una che la conosce bene. Anche se devo ammettere che sono un pò di parte, viste le mie origini! 🙂

  3. Sara ha detto:

    Noi siamo pugliesi e conosciamo molto bene Locorotondo e tutta la Valle d’Itria. Negli ultimi anni ha avuto uno sviluppo turistico incredibile, infatti d’estate sono zone affollatissime. Noi ci siamo stati a fine settembre, con il clima buono e poca gente ed è stato spettacolare.
    Ti consiglio di tornarci anche nel periodo natalizio, Locorotondo tutta addobbata e decorata è deliziosa!

    • Teresa ha detto:

      E’ vero, anche io ho constatato che la Puglia in generale ha avuto uno sviluppo turistico pauroso; bene da un lato, ma dall’altro lato mi dispiace un pò!

  4. Alessia ha detto:

    Che meraviglia, Teresa! Ho visto talmente tante foto di Locorotondo sotto Natale che quasi avevo dimenticato la bellezza dei paesini pugliesi con la bianca e accecante luce estiva! Manco da troppo dalla Puglia, mannaggia! Un bel giro tra Locorotondo, Bari Vecchia e Valle d’Itria non mi dispiacerebbe affatto! Ciao Teresa, auguri di buon anno!

    • Teresa ha detto:

      Intanto grazie per gli auguri che ricambio con piacere. Anche io sono stata via dalla Puglia per un pò di anni, ma adesso ci sto tornando tutti gli anni, e ogni volta ne scopro un pezzetto nuovo!

  5. Moira ha detto:

    Ci siamo state a settembre durante il nostro on the road e dobbiamo proprio dire che Locorotondo ci è piaciuto tantissimo! E’ stato un peccato dover andare via! Ma torneremo di sicuro!

  6. ANTONELLA ha detto:

    Il tuo bell’articolo su questo borgo capita proprio in un periodo in cui ne sento spesso parlare e vedo foto molto suggestive delle luminarie natalizie tra i vicoli. Davvero molto bello, un piccolo scrigno di architettura barocca e angolini deliziosi

    • Teresa ha detto:

      E sono soprattutto quelli che mi hanno fatto innamorare di questo borgo, questi deliziosi angoli nascosti che sono una continua sorpresa inaspettata!

  7. Nives ha detto:

    Locorotondo ancora mi manca, eravamo stati una settimana in Puglia due anni fa, ma abbiamo esplorato di più il Salento. Siamo riusciti a fare solo un salto in Valle d’Itria dove abbiamo visitato Cisternino, Martina Franca e Alberobello. Ma la zona mi è piaciuta talmente tanto che sono certa torneremo presto per rimediare!

    • Teresa ha detto:

      La Puglia è talmente ricca di cose da vedere che per poterla vedere bene bisognerebbe avere un sacco di tempo a disposizione. Ma non ti arrendere, tornaci appena puoi e continua a esplorare!

  8. Valeria ha detto:

    Mio marito è di Ostuni e d’estate andiamo sempre da quelle parti, non mi stanco mai di fare il giro di quei deliziosi paesi e Locorotondo è sempre una piacevole meta.

    • Teresa ha detto:

      Ostuni è un ottimo punto di partenza per esplorare la meravigliosa Puglia; approfittane tutte le volte che puoi, perchè ci sono sempre cose nuove e interessanti da scoprire.

  9. valeria ha detto:

    Spero che il 2021 mi regali una tanto rimandata vacanza in Puglia per un’immersione nel barocco e per conoscere meglio questa magnifica regione!

  10. Locorotondo è uno dei pochi borghi in cui non siamo riusciti a fermarci durante il nostro viaggio on the road in Puglia. Ma abbiamo giù da tempo in programma di tornare da quelle parti per recuperare!

  11. Stefania ha detto:

    Sono stata a Locorotondo ad ottobre ed è stato amore a prima vista!!! Candida, panoramica, da rimanerne ammaliata 😍 nella stessa giornata abbiamo abbinato Cisternino ed Alberobello!!!

  12. Flavia ha detto:

    Sarebbe stato bellissimo ad andare a Natale 🙂

  13. Sara Slovely.eu ha detto:

    Ho visitato Locorotondo durante il mio viaggio in giro per la Puglia. Ammetto che inizialmente mi ha incuriosita per il nome. 🙂 Ho fatto come suggerisci tu, l’ho visitato dopo essere stata a Martina Franca. Mi è piaciuto moltissimo passeggare per le viuzze, ho scattato belle foto e infine un pranzo memorabile da leccarsi i baffi! Adoro la Puglia.

  14. Michela ha detto:

    Io ci sono passata nel 2019 e ho assistito ad una manifestazione in cui lo street food era sovrano! Non mi ricordo il nome dell’evento ma che era i primi di agosto

  15. Federica Assirelli ha detto:

    A Locorotondo non sono mai stata ma me ne sono innamorata da tempo vedendo le tante belle foto su instagram! E questo tuo articolo non fa che confermarmi che mi piacerebbe tantissimo! Spero di riuscire ad organizzare un viaggetto nel prossimo anno!

  16. Arianna ha detto:

    Anche a me è piaciuto molto Locorotondo ma tutta la Valle d’Itria è affascinante un concentrato di Bianchi paesini uno più bello dell’altro

  17. Elena ha detto:

    Avevo già sentito parlare di Locorotondo e mi ha colpito molto perchè sò che i suoi abitanti ci tengono molto al loro borgo, tanto da “coccolarlo” per tenerlo pulito ed in ordine.

  18. Mariarita ha detto:

    Adoro la Valle d’Itria ma Locorotondo mi manca! Spero di fare un salto la prossima estate quando scenderò in Puglia con il mio compagno, che è salentino. Ma credo che sia un borgo suggestivo anche nei mesi invernali! In particolare, il centro storico a Natale è addobbato con molta cura e attenzione ai dettagli

  19. Eliana ha detto:

    Ma che belle quelle piazzette tutte fiorite! E quel colore bianco, così intenso e così unico della Puglia! Quanto mi piacerebbe vedere Locorotondo e gli altri borghi pittoreschi di questa regione!

    • Teresa ha detto:

      Io ne avevo tanto sentito parlare, ma l’ho scoperto quasi per caso questa estate; Gianni si era un pò bruciacchaito al mare e per un giorno abbiamo preferito andare in giro per dargli il tempo di riprendersi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianni e Teresa - I Nonni Avventura *** Sito ottimizzato per risoluzione 1600 x 900 | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress