La Basilica di Santo Stefano a Budapest

Basilica di Santo Stefano a Budapest

La Basilica di Santo Stefano a Budapest è uno degli edifici più belli e rappresentativi della città, insieme alla Grande Sinagoga e al Parlamento.
Se state pianificando un tour della capitale ungherese, dovete assolutamente inserirla nel vostro programma.

Si tratta della terza chiesa più grande di tutto il paese, anche se forse è meno nota della Chiesa di Mattia. E’ alta 96 metri nel punto più elevato, esattamente come il parlamento; per riconoscere l’importanza del potere religioso nel paese, una legge prevede che nessun edificio possa superarla in altezza.

La piazza antistante, anch’essa dedicata a Santo Stefano, è la Szent István Tér. E’ stata sottoposta a operazioni di restauro che l’hanno valorizzata; è qui che a Natale si svolgono i mercatini, ma anche concerti all’aperto durante la bella stagione.

Basilica di Santo Stefano a Budapest
Interno della Basilica di Santo Stefano a Budapest

Informazioni utili sulla Basilica di Santo Stefano a Budapest

La Basilica si trova proprio nel cuore della città, nella parte bassa chiamata Pest. Potete facilmente raggiungerla a piedi o, in alternativa, potete utilizzare la linea M3 della metropolitana, scendendo alla stazione Arany Jànos.

Potete visitare la Basilica tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17. Al sabato e alla domenica gli orari cambiano a causa dello svolgimento delle funzioni religiose. Pertanto al sabato, l’accesso al pubblico è consentito fino alle 13; alla domenica, l’edificio religioso può essere visitato dalle 13 alle 17.

La visita è gratuita; l’accesso alla cupola, invece, è a pagamento. Il prezzo del biglietto è di circa 5 euro, ma sono previste riduzioni per pensionati e studenti. Attenzione, però, perchè la visita della cupola può essere effettuata solo nel periodo che va dalla primavera fino all’autunno.

Se prenotate un tour guidato, potrete salire sulla cupola e anche ammirare i tesori e soprattutto una importante reliquia, la mano del Re Stefano.

Interno della Basilica
Colonne all’interno della Basilica

Storia della Basilica di Santo Stefano a Budapest

La costruzione della Basilica è abbastanza recente, visto che è iniziata nel 1851 ed è stata completata 54 anni dopo, quindi nel 1905. L’edificio religioso è stato eretto su un sito dove, un tempo, esisteva un teatro utilizzato principalmente per i combattimenti tra gli animali.

Grazie ai finanziamenti di un facoltoso gentiluomo di Budapest, all’interno del teatro venne costruita una chiesa chiamata Lipótváros. In seguito, i cittadini che vivevano nell’area attuarono una raccolta di fondi che permisero la costruzione della Basilica come la conosciamo oggi.

L’architetto che iniziò l’opera fu Miklós Ybl, ma fu József Kauser a completarla. Purtroppo i lavori furono rallentati da un imprevisto crollo della cupola, che dovette essere demolita e poi ricostruita. Alla fine dei lavori, la Basilica fu consacrata alla presenza dell’Imperatore austriaco Francesco Giuseppe.

Un particolare interessante è che inizialmente la Basilica doveva essere dedicata a San Leopoldo, patrono dell’Austria; ma alla fine si preferì intitolare la chiesa al primo re dell’Ungheria, Santo Stefano.

Basilica di Santo Stefano a Budapest
Organo

L’architettura

La Basilica è talmente ampia da poter ospitare contemporaneamente 8000 fedeli. Lo stile è neoclassico e per le sue decorazioni sono stati utilizzati circa 50 tipi diversi di marmo.

La pianta è a croce greca; la facciata si contraddistingue per i due campanili laterali che, visti a distanza incorniciano la sagoma della cupola. Sul frontone si può leggere la frase “Io sono la Via, la Verità e la Vita”.

All’interno delle due torri, si trovano sei campane in totale. Cinque sono nella torre nord, nell’altra c’è una sola campana che però è molto grande al punto da essere considerata come la campana più grande di tutto lo stato. Il suo peso si aggira sulle 90 tonnellate. Essa però suona solo in due occasioni: il 31 di dicembre e il 20 agosto, data in cui la Basilica venne consacrata.

Mentre siete all’interno della Basilica, non dimenticate di dare un’occhiata allo splendido organo risalente al 1905.

Il Pulpito
Il Pulpito

La Basilica di Santo Stefano di Budapest e la musica

La Basilica ha avuto da sempre uno stretto legame con la musica. Al suo interno si svolgono vari eventi musicali molto apprezzati. Tra questi sono molto famosi i concerti d’organo, tenuti da musicisti di grande rinomanza.

Inoltre, esiste un coro che si esibisce non solo nella Basilica ma anche in varie zone dell’Europa. Per ogni informazione relativa ai programmi musicali, potete consultare il sito ufficiale della Basilica di Santo Stefano a Budapest.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:
Le Terme di Budapest
Visita di Budapest in sei giorni


26 Comments to La Basilica di Santo Stefano a Budapest

  1. Elisa ha detto:

    Dalle vostre foto si capisce subito che si tratta di una chiesa di grande effetto! Sono stata a Budapest molti anni fa e non ricordo di averla visitata. Mi segno queste informazioni per inserirla in un prossimo tour della città!

    • Teresa ha detto:

      Peccato che tu non l’abbia vista; è una chiesa meno scenografica della chiesa di Mattia, ma è senz’altro molto bella!

  2. Moira e Raffaella ha detto:

    Abbiamo in previsione, quando si potrà, un on the road dell’Ungheria e Budapest certamente sarà la meta principale. Ci siamo segnate questa Chiesa di cui abbiamo letto davvero poco su altri blog! Pare davvero splendida!

    • Teresa ha detto:

      In effetti questa chiesa è abbastanza sottovalutata da un punto di vista turistico e non saprei dirvi perchè. Ma io ne sono rimasta affascinata e vi consiglio davvero di visitarla.

  3. Arianna ha detto:

    Hai ragione è realmente maestosa, quando sono stata a Budapest l’ho visitata insieme agli altri capolavori della città. Hai ragione forse un pò oscurata da altri monumenti

    • Teresa ha detto:

      Quando siamo stati a Budapest, avevamo letto molto sulla città e sulle cose da vedere, ma onestamente si trova davvero molto poco. E la quantità di visitatori che abbiamo incontrata è stata minima rispetto a quella che si trova per altre attrazioni.

  4. paola ha detto:

    Ho visto la basilica alcuni anni fa: davvero suggestiva. L’ho però visitata con mia cognata (ungherese di Budapest) che non mi ha dato molte spiegazioni storiche. Leggendo il tuo post, ho capito molto ho integrato le immagini alle notizie storiche.

    • Teresa ha detto:

      A volte, visitare un monumento con un locale ha i suoi vantaggi e i suoi svantaggi. Se è una persona preparata saprà farti apprezzare meglio quello che vedi, ma non è sempre così!

  5. Eliana ha detto:

    Ho visitato Budapest nel lontanissimo 2009…Vedendo la foto degli interni della Basilica così gremita mi ha fatto davvero storgere un po’ il muso, sono sincera: nel 2009 Budapest era deserta, di turisti ce n’erano pochissimi (sono andata a luglio) e la città era tutta da scoprire, ora da quando è diventata “mainstream” secondo me ha perso tanto del suo fascino e della sua attrattiva. Buon per il settore turistico ma davvero ci vorranno parecchi anni prima che decida di tornarci e mi dispiace molto.

    • Teresa ha detto:

      Budapest è una città che sa davvero sfruttare il turismo, e questo talvolta può essere fastidioso. Ma è vero anche che la Basilica è forse una delle attrazioni meno famose e quindi meno frequentata di tutta la città.

  6. ERMINIA SANNINO ha detto:

    Prendo nota di questo articolo, perché è da molto che vorrei visitare Budapest e questo mi da uno spunto in più!

  7. Stefania ha detto:

    Non sono mai stata a Budapest, ma mi piacerebbe visitarla e non mancherei di fare un salto un questa meravigliosa basilica ed ovviamente nelle famose terme!

    • Teresa ha detto:

      Non puoi assolutamente perderti un giro nella basilica e neanche una giornata alle terme. Vedrai che ti piaceranno entrambe!

  8. Claudia ha detto:

    Non sono ancora stata a Budapest, ma spero di riuscire a raggiungerla presto. Sicuramente questa basilica non me la farò mancare, perchè è veramente meravigliosa!

  9. valeria ha detto:

    Credo di averla vista un bel pò di volte nei film, molto probabilmente in quelli della Principessa Sissi. Possibile?

    • Teresa ha detto:

      E’ altamente probabile, ma non ne sono sicura. Sissi risiedeva a Vienna e anche in questa città esiste una cattedrale di Santo Stefano, quindi non possiamo esserne certe!

  10. ANTONELLA ha detto:

    Non sono mai stata a Budapest purtroppo. Questa Basilica mi sembra veramente molto bella e immagino quanto possa essere suggestivo un concerto per organo ascoltato in quel luogo

    • Teresa ha detto:

      I concerti all’interno delle chiese hanno sempre un certo che di mistico che li rende ancora più suggestivi; forse dipende anche dall’acustica.

  11. Marina ha detto:

    Sono stata a Budapest ormai 8 anni fa e purtroppo la cattedrale di santo Stefano era chiusa ma grazie al vostro post sono riuscita ad appagare una grande curiosità!

    • Teresa ha detto:

      Che peccato che tu te la sia persa, perchè è un edificio davvero bello. Ma magari sarà per un’altra volta!

  12. Budapest è un’altra di quelle città che vorrei vedere da tempo, ma poi per qualche motivo la lascio sempre da parte, preferendo qualche altra destinazione. Non conoscevo la sua Basilica perché in effetti molto spesso si sente parlare quasi esclusivamente del Parlamento. Ora vado a leggere anche l’articolo sulla visita della città in sei giorni perché mi sa che quello me lo sono perso!

    • Teresa ha detto:

      Quando si pensa a Budapest, la prima cosa che viene in mente è il parlamento, che è il simbolo della città. Ma ci sono tantissime altre cose che la impreziosiscono e la rendono splendida!

  13. Che struttura meravigliosa. Nonostante la sua opulenza riesce a essere semplice e accogliente, e i marmi rossi ( che adoro) ne enfatizzano i dettagli preziosi. Una meta imperdibile direi, se ci Si trova a Budapest!

    • Teresa ha detto:

      Vero, è una tappa imperdibile, anche se spesso viene un pò sottovalutata rispetto ad altri edifici più significativi come la Sinagoga e il Parlamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianni e Teresa - I Nonni Avventura *** Sito ottimizzato per risoluzione 1600 x 900 | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress