Parlamento di Budapest: come visitarlo

Parlamento di Budapest

Il Parlamento di Budapest è sicuramente l’icona della capitale ungherese.

Di conseguenza è l’attrazione più fotografata della città, sia di giorno che di notte e quella maggiormente presa d’assalto dai visitatori.

Parlamento di Budapest dal Danubio
Parlamento di Budapest dal Danubio

Ecco alcune informazioni utili per organizzare la vostra visita al Parlamento di Budapest.

Biglietto d’ingresso

Innanzitutto prenotate la visita con largo anticipo dall’Italia; se non lo fate, il rischio di rimanere senza biglietto è piuttosto elevato.

Sono molti i siti che vi offrono la possibilità di acquistare il biglietto on line.

Esterno del Parlamento
Esterno del Parlamento di Budapest

Io però vi consiglio di utilizzare il sito ufficiale, in quanto esso applica dei prezzi inferiori rispetto a tutti gli altri altri siti.

Il costo del biglietto per i cittadini dell’Unione Europea è di 17 euro. Per gli studenti fino a 24 anni il costo si riduce a 8,50, sempre a patto che siano cittadini europei.

Nel prenotare, ricordate di selezionare la lingua dal menu e di prenotare l’orario in cui intendete effettuare la visita al Parlamento di Budapest.

Facciata del Parlamento
Facciata del Parlamento

Potete accedere a questa attrazione tutti i giorni, le visite vengono effettuate alle 10.30, 13.45, 14.45 e l’ultima alle 15.55.

Cercate di arrivare con una mezz’ora di anticipo, perchè dovrete fare il check in alla biglietteria.

Come arrivare al Parlamento di Budapest

E’ facilmente raggiungibile, in quanto dista pochi minuti a piedi dal Ponte delle Catene. Se decidete di arrivarci in tram, utilizzate la linea 2 e scendete a Kossuth Lajos tèr.

Anche se scegliete la metropolitana, dovete scendere alla stessa fermata.

Interno del Parlamento
Interno del Parlamento

Caratteristiche del Parlamento di Budapest

Mentre attendete di entrare, godetevi la splendida vista che offre questo monumento.

Esso è situato sulla sponda est del Danubio ed è veramente imponente. Tanto per farvi un’idea, la sua facciata sul Danubio è di 286 metri e misura una altezza di 96 metri.

Sala
Sala del Parlamento di Budapest

La sua costruzione durò all’incirca 19 anni e l’architetto che lo progettò prese ispirazione dal Palazzo di Westminster a Londra. E se siete stati a Londra, ve ne accorgerete da soli.

L’interno del Parlamento

Per quanto riguarda gli interni, solamente una parte è accessibile al pubblico; ma il loro sfarzo e la loro bellezza vi colpiranno sicuramente.

Perfino i corridoi che portano da una sala all’altra sono splendidamente decorati con tappeti e lampadari.

Ma a mio avviso, la sala più bella, quella che mi ha colpito di più, è quella dove il parlamento si riunisce in seduta.

Potete scattare tutte le foto che volete, tranne nella sala della Cupola; qui vengono conservati oggetti come la Sacra Corona Ungherese e altri oggetti posseduti dai monarchi ungheresi.

Scarpe sulla Riva del Danubio

Scarpe sulle rive del Danubio
Scarpe sulle rive del Danubio

Dopo la visita, c’è un’altra attrazione che vi consiglio di vedere.

A poche centinaia di metri dal Parlamento, sulla sponda del Danubio, troverete un memoriale dedicato alle vittime del Nazismo.

Sto parlando delle “Scarpe sulla Riva del Danubio“. Vedrete delle calzature da uomo e da donna, di foggia piuttosto antiquata, allineate sulla sponda del fiume.

Avvicinandovi, vedrete che sono di metallo arrugginito; ma il loro valore simbolico è enorme.

Targa del Memoriale
Targa del Memoriale

Una targa di metallo spiega che il monumento è stato costruito in memoria degli ebrei uccisi e gettati nel fiume dai soldati delle Croci Frecciate nel 1944/45.

In sostanza, i nazisti uccidevano le loro vittime e le gettavano nel fiume; ma prima facevano loro togliere le scarpe perchè esse erano all’epoca un bene pregiato, che vendevano al mercato nero.

Vetrate
Vetrate nel Parlamento di Budapest

A volte, legavano le persone a due a due e, per risparmiare un proiettile, sparavano alla testa solo ad uno dei due. L’altro faceva una ben triste fine, visto che annegava nelle acque del Danubio non avendo la possibilità di muoversi.

Questa triste realtà ha ispirato i due realizzatori del memoriale, Can Togay e Gyula Pauer.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianni e Teresa - I Nonni Avventura *** Sito ottimizzato per risoluzione 1600 x 900 | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress
error: Content is protected !!