Visitare Volandia, parco e museo del volo

Visitare Volandia

Visitare Volandia era uno dei grandi desideri di Gianni, che è appassionatissimo di aerei e di tutto quello che riguarda l’argomento. Solo che, per un motivo o per un altro, non eravamo mai riusciti a farlo. Finalmente, in occasione della partenza per il nostro viaggio in Brasile, abbiamo deciso di ritagliarci un pò di tempo per vedere uno dei più famosi musei del volo. Devo confessare che è stata una esperienza piacevole e stimolante anche per me, che non sono proprio una fanatica dell’argomento.

Si tratta infatti del più grande museo del genere in Italia, nonchè di uno dei più importanti nel mondo intero. Esso racconta la storia dell’aviazione nel tempo e di tutte le persone e le aziende che hanno reso possibile all’uomo di volare e di spostarsi in sicurezza e comodamente da un posto all’altro.

Storia di Volandia

Visitare Volandia
L’ingresso di Volandia

L’idea per la creazione di questo parco-museo risale al 2006; il progetto era decisamente ambizioso, visto che esso avrebbe dovuto narrare la storia dell’aviazione in relazione alle prestigiose industrie aeronautiche lombarde. La realizzazione di Volandia ebbe luogo nel 2010, quando il museo venne aperto al pubblico.

Da quel momento, nuovi padiglioni e nuove collezioni si sono aggiunte, rendendo l’esposizione sempre più ricca ed interessante.

Lo spazio espositivo si trova in quelle che un tempo erano le Officine Aeronautiche Caproni. L’idea, in origine, venne proposta da Marco Reguzzoni, ma venne sostenuta da molti importanti imprenditori italiani e da vari enti enti pubblici, tra cui la Regione Lombardia e la Provincia di Varese.

Dove si trova Volandia

Aeroplano
Un aeroplano tutto giallo

Volandia si trova a Somma Lombardo, in provincia di Varese. Questo significa che si trova all’interno del Parco del Ticino e a pochissima distanza dall’Aeroporto Internazionale della Malpensa. Potete visitarlo approfittando di una partenza da questo aeroporto, come abbiamo fatto noi, se il vostro volo parte nel pomeriggio; oppure potete dedicare una mezza giornata alla visita del museo partendo da Milano.

Come raggiungere Volandia

Visitare Volandia
Elicottero della Agip Mineraria

Se siete in macchina, potete facilmente arrivare al parco-museo di Volandia. Una volta raggiunto il paese di Somma Lombardo, troverete una marea di cartelli, basta seguirli e finirete esattamente davanti all’ingresso, dove potrete lasciare il vostro mezzo in un ampio parcheggio gratuito.

Potete anche arrivarci in treno da Milano, anche se è la faccenda è un pò più lunga. Partite dalla stazione centrale di Milano per il Terminal 1 della Malpensa, entrate nell’aeroporto e raggiungete il secondo piano (per intenderci, quello dei check in e delle partenze). Uscite all’esterno e percorrete il ponte pedonale fino a Volandia, ci impiegherete circa 15 minuti per arrivare proprio davanti alla biglietteria.

Se non avete voglia di camminare, potete sempre prendere un taxi che vi porti a destinazione.

Quanto tempo ci vuole per visitare Volandia

Elicottero
Elicottero

In realtà, è molto difficile rispondere a questa domanda. Infatti, la visita si effettua in autonomia, pertanto sarete voi stessi a decidere quanto tempo dedicarci. Il museo è molto vasto, ed ognuno dei mezzi in esposizione è ben descritto e spiegato sui cartelli. Può darsi che alcune sezioni vi interessino di meno e decidiate di visitarle in modo più veloce, magari ci saranno delle aree che troverete più coinvolgenti e a queste dedicherete più tempo.

Comunque direi che, approssimativamente, è impossibile visitare Volandia in meno di tre/quattro ore; tenete anche conto che il prezzo del biglietto non è proprio economico, quindi sarebbe un peccato non sfruttarlo a pieno.

Biglietti e prenotazioni per visitare Volandia

Visitare Volandia
Esterno del Parco

Per quanto riguarda gli orari e i giorni di apertura per visitare Volandia, è opportuno verificare sul sito ufficiale del parco-museo, visto che essi cambiano in base al periodo dell’anno.

Il biglietto intero costa 14 euro, ma sono previste delle riduzioni per gli over 65, i ragazzi fino a 18 anni, i gruppi e le famiglie. Le persone non autosufficienti entrano gratuitamente.

La prenotazione è necessaria solo per i gruppi o per coloro che desiderano una guida che li accompagni durante la visita.

Potete acquistare i biglietti direttamente in biglietteria o, se preferite, on line su questo sito.

Visitare Volandia: cosa vedere

In mongolfiera
In mongolfiera

L’area coperta da Volandia è estremamente vasta, dal momento che essa si estende per 250.000 metri quadri. Una parte è coperta, mentre alcuni spazi sono all’aperto.

L’ingresso, situato proprio alle spalle della biglietteria, è formato da una scaletta simile a quella che porta all’interno di un aereo. Sempre in quella zona troverete le toilette (ma ne troverete un pò dappertutto, state tranquilli), nonchè un ristorante ed uno snack bar. Se visitate il museo in estate, come abbiamo fatto noi, è bene che portiate con voi dell’acqua, perchè negli spazi aperti sotto il sole fa parecchio caldo.

Se volete, potete anche sfruttare la zona picnic per consumare il vostro pasto.

Non perdetevi un giro nell’area simulatori di volo. Qui potrete sperimentare l’emozione di pilotare alcuni velivoli utilizzati durante la seconda Guerra Mondiale.

Le collezioni

Collezione Bertone
Collezione Bertone

Tra tutte le collezioni, la più interessante è senza dubbio la Bertone, che occupa un intero padiglione a cui da anche il nome. Essa annovera ben 76 automobili, più una bicicletta e una motocicletta. Molte delle auto sono coloratissime e hanno un design molto particolare, che mostra la genialità di Nuccio Bertone.

Tra i vari modelli esposti, i pezzi più interessanti sono una Lamborghini Miura S, una Alfa Romeo Giulia SS e vari prototipi, tra cui la la Porsche Karisma e la l’Aston Martin Rapid Jet.

I padiglioni

Galleria degli Eroi
Galleria degli Eroi

Per quanto riguarda i padiglioni, ce ne sono molti. E’ soprattutto a questa parte di Volandia che abbiamo dedicato la nostra visita. Quello che ci è piaciuto di più è stato quello denominato Ala Fissa, dove viene mostrato lo sviluppo e l’evoluzione dei velivoli nel tempo, partendo dai motori ad elica fino ad arrivare a quelli a reazione.

Poi ho trovato affascinante la Galleria degli Eroi, dove, tra le altre cose, è presente una parte dell’aereo che portò a casa la Nazionale di Calcio Italiana dopo la vittoria del Mondiale di Spagna, insieme al Presidente Pertini, il quale era notoriamente un grande appassionato di calcio.

Il padiglione Ala Rotante è dedicato esclusivamente agli elicotteri; anche qui sono in esposizione vari tipi, dai più antichi ai più recenti.

L’Officina Caproni presenta la riproduzione della prima azienda aeronautica italiana.

Interessante anche il Padiglione dell’Astronomia e dello Spazio, che racconta la storia delle esplorazioni spaziali. Si parte dal lavoro di Galileo, fino ad arrivare ai giorni nostri, con i lanci degli Shuttle, l’allunaggio e l’esplorazione di Marte.

Infine, troverete una Area Droni, dove non solo potrete assistere ad interessanti dimostrazioni sull’uso di questo strumento, ma troverete anche una sezione dedicata a nuovi progetti.


30 Comments to Visitare Volandia, parco e museo del volo

  1. Teresa Scarselli ha detto:

    Avevo letto che è anche disponibile un’esperienza di realtà virtuale, per immergersi nella storia del volo e “pilotare un aereo”. Me lo confermi, o è un’attività conclusa?

  2. Alessandra ha detto:

    Ma che bello questo museo! Penso che piacerebbe moltissimo a mio marito, soprattutto l’area dedicata ai voli spaziali e ai droni. Me lo segno perché potremmo visitarlo magari in occasione di una visita ai miei parenti in Piemonte… non è molto distante.

  3. Raffaella ha detto:

    L’universo del volo affascina grandi e piccini, ne so qualcosa con mio figlio che non fa altro che parlare di aerei. Non conoscevo questo museo, nonostante io abbia volato su Malpensa molte volte. Sembra il luogo perfetto dove portare il mio piccolo aspirante aviatore per il suo prossimo compleanno!

  4. Martina ha detto:

    Tutte le volte che sono andata a Malpensa sono sempre passata da Volandia senza mai entrarci ma hai proprio stimolato la mia curiosità, la prossima volta ci farò decisamente un pensierino!

  5. Marina ha detto:

    Sono appassionata di aerei, anche se ne capisco poco, e conoscevo di nome questo museo. Ho già visitato il bellissimo museo dell’aeronautica vicino Roma e quello di Duxford a Cambridge, quindi prima o poi dovrò visitare anche Volandia! Nella Galleria degli Eroi non mi sarei però aspettata di trovarci l’aereo della squadra dei mondiali lol

  6. Tamara ha detto:

    Ma che carino questo museo non ne sapevo l’esistenza! Articolo molto interessante e ben dettagliato

  7. Claudia ha detto:

    Pur essendo di Milano non conoscevo questo museo, eppure conosco diverse persone che amerebbero proprio visitarlo. Grazie della dritta

  8. Cristina ha detto:

    Non sapevamo dell’esistenza di questo museo, sembra veramente molto interessante. Lo terremo in considerazione se passiamo da quelle parti. Grazie

  9. Mio marito è appassionato di aerei e di ogni tipo di veivolo. Ha mille app che guarda in continuazione e spesso Si ferma fuori gli aeroporti per vedere decolli e atterraggi… ma ahimè non ci sale più sopra da dieci anni. Deve farsi passare la fobia per poter arrivare a vedere questo meraviglioso museo!

  10. Ne ho sentito parlare diverse volte, e credo di aver visto le indicazioni per Volandia andando a Malpensa. Non ho mai avuto occasione di visitare questo museo, ma mi interesserebbe molto la parte dei simulatori di volo.

  11. ANTONELLA ha detto:

    Davvero interessante questo museo, pensa che non sapevo neppure che esistesse. Non sono particolarmente appassionata di aerei e di voli ma mi piacciono le curiosità e credo che la Galleria degli Eroi mi coquisterebbe

    • Teresa ha detto:

      Anche a me la Galleria degli Eroi è piaciuta molto, ma anche gli altri settori hanno il loro fascino; provare per credere!

  12. Veronica ha detto:

    La zona dei simulatori di volo è quella che mi interesserebbe di più! Non avevo idea che esistesse questo parco però è super interessante.

  13. Bru ha detto:

    Ah ecco Gianni è appassionato di voli, adesso mi spiego perché ne prendete così tanti e ogni scusa è buona per partire, sai che non conoscevo volandia,luogo interessante da vedere

    • Teresa ha detto:

      Gianni adora aerei, treni, elicotteri eccetera eccetera. E spesso mi trascina in avventure che un pò mi fanno paura!

  14. Eliana ha detto:

    Ci sono stata in outfit Steampunk ad aprile scorso e mi sono innamorata di questo museo! Mi sono ripromessa di visitarlo in abiti civili e senza l’ingombro di ingranaggi e rotelle, sarà spettacolare!

  15. Libera ha detto:

    Mi sembra un posto molto originale da visitare e allo stesso tempo davvero interessante. Meno male che questa passione di Gianni ti ha portato a scoprirlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianni e Teresa - I Nonni Avventura *** Sito ottimizzato per risoluzione 1600 x 900 | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress