Washington DC La capitale degli USA

Washington DC La meravigliosa capitale degli USA

Arriviamo  a Washington DC nel tardo pomeriggio, è un pò nuvoloso, e non fa molto caldo.
Il nostro albergo è il Washington Court Hotel, siamo a tiro di schioppo dal Campidoglio e dalla stazione ferroviaria. Abbiamo scelto questo hotel (malgrado sia un pò più caro di quello che volevamo) perchè su Internet abbiamo letto che la capitale americana è quella con il più alto rischio di criminalità, quindi tutti consigliano hotel molto centrali e di livello piuttosto elevato.

Washington DC

Washington Court Hotel

L’hotel è meraviglioso, con tanto di portiere che ti apre la porta quando devi entrare o uscire e ti chiama un taxi quando glielo chiedi, c’è il valet parking e tutto ha una atmosfera di lusso. Quello che mi piace soprattutto è l’ascensore panoramico nella hall, che porta su alle stanze.
Diamo un’occhiata al menu del ristorante, ma decidiamo che con quei prezzi non è proprio il caso di mangiare lì, troviamo un locale proprio lì accanto e ci facciamo un hamburger con patatine che non è niente male, inoltre c’è un potentissimo wifi gratuito, quindi ne approfittiamo per usare Skype e dare notizie a casa.

Washington DC

The U.S. Capitol

Il Campidoglio

La mattina dopo il tempo è peggiorato, pioviggina, ma siamo attrezzati con impermeabili e ombrelli. A piedi raggiungiamo il Campidoglio, e dopo averlo ammirato da vicino e fatto le foto di rito, decidiamo di prendere un autobus turistico per fare un giro della città. E’ incredibilmente piena di turisti, americani e non, siamo stupiti dal fatto che non ci sia nessun italiano in giro tranne noi.
Prima sosta al Lincoln Monument, il monumento dedicato al 16esimo presidente degli Stati Uniti. E’ un edificio con tante colonne al cui interno si può ammirare un enorme statua di Lincoln.

Washington DC

Lincoln Monument

Esso si trova ad una estremità del National Mall, mentre all’altro capo si vede il Washington Memorial, un alto obelisco che per legge non può essere superato in altezza da nessun edificio della città.
Purtoppo la “reflecting pool” (l’enorme lago rettangolare che si trova davanti al monumento e che abbiamo visto in tantissimi film) è asciutta perchè ci sono dei lavori in corso. Ma non è un problema: è tutto molto bello e molto imponente.
Dopo aver fatto un pò di foto, andiamo a scoprire il Vietnam Veterans Memorial, un muro di marmo nero, dove sono incisi i nomi dei caduti del Vietnam. Poi proprio lì accanto c’è una statua in bronzo chiamata “The Three Soldiers”, che rappresenta il bianco americano, l’afro-americano e l’ispano-americano.

Washington DC

Reflecting Pool e Washington Monument

Arlington

Torniamo alla fermata dell’autobus, perchè vogliamo andare a vedere il cimitero di Arlington.
Attraversiamo un ponte sul fiume Potomac, e siamo arrivati! Nel cimitero militare sono sepolti i veterani di tutte le guerre statunitensi, è enorme e ci consigliano di prendere un trenino che ti porta dovunque tu voglia. Ma malgrado la pioggerella, decidiamo di camminare perchè le cose che vogliamo vedere sono due: il Monumento al milite Ignoto e la tomba di John Fitzgerald Kennedy.

Washington DC

Il ponte sul Fiume Potomac

Raggiungiamo quasi subito la tomba dello scomparso presidente e della moglie Jaqueline Kennedy Onassis. Devo dire che ho provato un’emozione fortissima, quando Kennedy fu assassinato ero piccolissima e non posso dire di ricordare molto; ma ho letto e sentito parlare molto di questo avvenimento, e mi colpisce la grandiosità e la semplicità della tomba del presidente.

Washington DC

La tomba di J. F. Kennedy e di sua moglie

Si trova in una rotonda, da un lato c’è una muretto sul quale è inciso il suo più famoso discorso, quello con il quale inaugurò il suo mandato come presidente (“non chiederti cosa il tuo paese può fare per te…”), dall’altra parte ci sono due semplici lapidi con i nomi e le date di nascita e morte ed in mezzo una fiaccola che arde.
Sempre a piedi, proseguiamo per la seconda tappa. C’è una folla incredibile, siamo arrivati giusto in tempo per il cambio della guardia; ma non solo, ci sono un sacco di generali e militari assortiti, mi dicono che c’è la celebrazione di non so quale anniversario, quindi non possiamo avvicinarci alla tomba. Ma il cambio della guardia è spettacolare, le “Guard Sentinels” sono molto marziali e impeccabili; abbiamo cercato di fare un video, ma con la folla che c’era è stato praticamente impossibile!

Washington DC

Il cambio della guardia

National Archives

E dopo questa overdose di storia, torniamo all’ingresso del cimitero e riprendiamo l’autobus che ci porta in centro. E poi in albergo, siamo davvero stanchi! Dopo una doccia, torniamo nel locale dove abbiamo cenato la sera prima e poi a nanna.
La mattina dopo, freschi e riposati, prendiamo un taxi per andare a visitare i National Archives. Quando arriviamo non c’è quasi nessuno, ma nel giro di poco si forma una fila incredibile. E quando arriva l’orario di apertura veniamo perquisiti da cima a fondo. Poi finalmente veniamo ammessi in una sala rotonda (chiamata appunto “Rotunda”) dove possiamo ammirare la Costituzione, la Dichiarazione di Indipendenza e la Bill of Rights. Anche questo è abbastanza emozionante, e in realtà è l’unica cosa che volevamo vedere.

Washington DC

The National Archives

Infatti usciamo subito dopo e facciamo un giro nei paraggi, ammirando gli imponenti edifici, i poliziotti che vanno in giro a bordo dei segway, il traffico frenetico, ma ordinatissimo. Ci fermiamo per pranzo e poi proseguiamo per la Casa Bianca.
Sapevo che è impossibile visitarla a meno che non si prenoti una visita 6 mesi prima tramite consolato (cosa che avrei voluto fare, ma non ho potuto ottenere a causa dei tempi stretti); ma sono comunque rimasta delusa perchè è possibile solo intravederla attraverso la cancellata e il giardino!
Non possiamo neanche trattenerci molto, perchè le persone che vogliono vedere questo famoso edificio sono moltissime!

Washington DC

The White House

Obama???

Manuel vuole fare un pò di shopping, quindi cerchiamo di trovare qualche store, ma ci accorgiamo che ci sono un sacco di macchine della polizia e che stanno chiudendo un sacco di strade… che starà succedendo?

Ci fermiamo perchè siamo curiosi, in più sentiamo della gente parlottare e più di una volta sentiamo la parola “president” e il nome “Obama”…; vuoi vedere che siamo così fortunati da veder passare l’uomo più potente del mondo?

La folla ai lati della strada si fa sempre più fitta, l’attesa è spasmodica e… e alla fine scopriamo che è una enorme manifestazione contro l’AIDS.

Washington DC

La manifestazione contro l’AIDS

Ultimo giorno a Washington! Oggi ci diamo ai musei: Gianni vuole vedere lo Smithsonian, io pensavo fosse un unico museo, invece si tratta di un istituto di ricerca che gestisce vari musei, non solo a Washington ma anche a New York e in Virginia. Optiamo per il Museo di Storia Naturale, gironzoliamo tra enormi locali zeppi di teche e soprattutto indugiamo nella sezione di mineralogia, che è quello che Gianni voleva vedere.

Vorremmo anche visitare il Museo degli indiani Americani, ma la fila davanti all’ingresso ci fa desistere, siamo abbastanza stanchi quindi decidiamo di tornare in albergo a riposarci; ora dobbiamo preparare le valigie e il giorno dopo affronteremo il viaggio per la prossima tappa!


6 Comments to Washington DC La capitale degli USA

  1. Alessia ha detto:

    Articolo stupendo , sembra proprio di vivere irrealmente il viaggio .. Complimenti bellissima relazione

  2. Eleonora ha detto:

    Complimenti ottimo articolo! Grazie per le informazioni

  3. emanuela ha detto:

    splendido articolo, scritto benissimo! Grandiosi! Complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Gianni e Teresa - I Nonni Avventura *** Sito ottimizzato per risoluzione 1600 x 900 | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress