Una gran brutta esperienza in Kenya

Categorie: Africa, Generali
Commenti: 16 commenti
Pubblicato il: 23 giugno 2015
visualizzato 19.766 volte
robby
Robby Safari Kenya

Una gran brutta esperienza in Kenya

Vi chiederei di leggere tutto l’articolo con attenzione e possibilmente di condividerlo il più possibile per evitare che ciò che è accaduto a noi, capiti di nuovo a qualcun altro!
Volevo scrivere questo articolo un pò di tempo fa, ma per motivi che vi spiegherò in seguito ho temporeggiato.
Siamo stati in Kenya nel dicembre 2014, al Garoda Resort a Watamu. Già dall’Italia avevamo prenotato due escursioni, due giorni di safari a Tsavo Est e una giornata alla spiaggia d’oro e al Canyon di Marafa. Avevo contattato varie guide su Facebook e alla fine la nostra scelta è caduta su Roby Waladi, che sembrava essere onesto e disponibile. Inoltre, i commenti sul suo profilo erano positivi, e le due persone che hanno risposto alla mia richiesta di informazioni si dicevano soddisfatti. Mai decisione fu più sbagliata!
Dopo aver pattuito il prezzo per le due escursioni, gli abbiamo inviato 300 euro tramite Western Union, poi ci siamo dati appuntamento sulla spiaggia del resort il pomeriggio del nostro arrivo. Lui arriva, ci salutiamo, stabiliamo i dettagli relativi all’orario, saldiamo il nostro conto e poi ci rilascia regolare fattura. Ci spiega che la mattina avremmo fatta la prima tappa nel centro di Watamu, per fare colazione, e poi saremmo partiti per il parco di Tsavo. In realtà, la mattina dopo c’erano parecchie guide che erano venute a prendere i turisti, ma lui non era all’ingresso del resort. Un altro ragazzo ci ha detto che Roby gli aveva chiesto di darci un passaggio fino al bar, dove lo avremmo incontrato.
Prendiamo il caffè e scopriamo che Robby ci ha affidato ad un’altra guida per il safari, visto che eravamo solo due e non aveva senso far partire due jeep per così poche persone.
Dopo aver fatto il nostro safari, arriviamo in hotel per la pausa pranzo e un riposino: qui la guida ci dice che la nostra stanza non è stata pagata, noi gli diciamo che abbiamo dato i soldi a Roby e che ha pagato lui. Sembra che il problema sia risolto, così ripartiamo per il safari; ma la sera siamo punto e a capo… se non paghiamo il conto non ci lasciano partire. Io e Gianni siamo incavolati e sbalorditi, ma la guida ci tranquillizza dicendo che probabilmente c’è un disguido, che sistemeremo la faccenda appena tornati a Watamu. Intanto continua a cercare di parlare con Roby al telefono, ma senza risultato.
La mattina dopo il safari continua, ma devo dire che non ce lo siamo goduto per niente. La guida continua a cercare Roby al telefono… niente! Alla fine ci dice che ci porterà alla polizia per denunciarlo, così avremmo recuperato i nostri soldi e lui avrebbe pagato per il reato commesso.
Ma anche questo è stato un buco nell’acqua, e questo ci ha fatto adirare ancora di più, perchè in realtà la polizia non ha fatto nulla. La ricevuta risultava falsa, Roby non si è più visto fino alla nostra partenza, la polizia continuava a dire che avremmo avuto i nostri soldi prima di tornare in Italia… Tutte bugie, ci abbiamo rimesso un sacco di soldi, la nostra vacanza è stata irrimediabilmente rovinata. Allora ho deciso di scrivere questo articolo per mettere in guardia tutti coloro che hanno in cantiere un viaggio in Kenya, perchè stiano molto ma molto attenti e affinchè evitino questo losco personaggio.
Ho tardato a scrivere questo articolo perchè mi sono sentita con la guida che ci ha accompagnato nel safari e gli ho detto che era mia ntenzione denunciare pubblicamente quanto accaduto, e lui deve aver riferito la cosa a Roby che si è fatto vivo, dicendomi di avere pazienza, che aveva dei problemi familiari, chiedendomi di non infangare il suo nome e che a maggio mi avrebbe mandato i soldi. Io stupidamente mi sono inpietosita e ho deciso di dargli una chance, ma ovviamente non ho visto un centesimo e quando gli ho scritto mi sono beccata un sacco di insulti e minacce di morte (pare abbia mandato una macumba a me e a Gianni, ma si sa… l’erba cattiva non muore mai!).
E così adesso eccomi qui a raccomandarvi di stare attenti a questa persona, a informarvi benissimo sulla guida che sceglierete di prendere, soprattutto non contate sulla polizia, la quale ha fatto tanta scena ma non ha fatto nulla, visto che Roby è ancora su facebook con la pagina Robby Safari Kenya che cerca clienti e magari li truffa come ha fatto con noi!

16 commenti - Lascia un commento
  1. Roberta.zonta scrive:

    Oh santa pace… è successo la stessa cosa con me per il tour di Bali e per fortuna che io mi sono affidata ad un tour operator italiano! di Treviso per la precisione.
    Ci era piaciuto il programma della mini crociera sul mar di flores per cui quando abbiamo chiesto di programmare un minitour per Bali… una buona volta arrivate a Bali la nostra guida fittizzia ci viene a prendere in aereopo e ci porta in albergo… la mattina parte il tour privato… si è visto subito sin da principio che la guida non era all’altezza del compito… le sue spiegazioni sapevano di lezioncina imparata a memoria la sera prima, le nostre richieste di vedere di più lui le glissava ed era sempre al cellulare… a flores cambiamo guida e da lì si nota subito la differenza di qualità, due giorni di navigazione a stretto contatto ce la fanno apprezzare ancora di più… ritornate a Bali ci ritroviamo con un’altra guida e da lì viene fuori tutta la storia… il nostro tour su Bali era stato programmato con una agenzia del posto e il resto con un’altra… la nostra prima guida era alla prima esperienza, non conosceva alcuni luoghi e tanto meno i templi che erano inclusi nel programma… e quello che è peggio ci ha portato in alcuni posti spacciandoli per altri.. per non parlare di tutti i negozi in cui ci ha portato per avere le provvigioni sugli acquisti… una buona volta arrivate in Italia, è partito il reclamo ma non abbiamo visto una lire del rimborso che ci spettava… anche perché l’albergo dove abbiamo soggiornato gli ultimi giorni era un casermone fatiscente…
    Detto questo… come vedi ogni mondo è paese..

    • Teresa scrive:

      Vedi? fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio… ormai ho imparato a scegliere le agenzie locali con molta oculatezza e chiedendo pareri di prima mano… e soprattutto a pagare DOPO il servizio!

  2. Paola scrive:

    Non succede solo in Kenya. In Tanzania sono stata truffata da un italiano! Poteva succederti ovunque.

    • Teresa scrive:

      Hai ragione, quando si viaggia bisogna sempre stare attenti e adottare le dovute precauzioni, però visto che in questo caso è bene segnalare il “colpevole” per evitare che qualche altra persona possa cadere nella sua trappola!

  3. Chiara scrive:

    Ciao! Io ho fatto due estati di fila a watamu. Purtroppo ti é andata ne… noi alloggiavamo al crystal bay della veratour. Il primo anni ci siamo affidatu all agenzia per fare il safari ma una volta arrivati al villaggio abbiamo conosciuto dei beachboys che sono stati i ostru angeli custodi per 15 giorni, ci hanno accompagnato ovunqur, sebza chiedere un ljra in cambio. L anno dopo abbiamo fatto le escursioni tt con loro ke comunque non é ke kiedono molto meni ma almeno sai ke li stai aiutando
    . Se dovessi tornare contatterei ancora loro. Sono su facebook alla pagina di kalanje kalindi e il consiglio ke mi sento di dare é che con loro vivi la vera africa..ma conoscereli sul posto e datevi consuiare da chi giá li conosce..non cercate su internet!!!

  4. E’ sempre un dispiacere leggere di queste brutte esperienze per noi che in Kenya ci viviamo, ma avete fatto benissimo a raccontare la vostra esperienza con la speranza che ad altri viaggiatori non capiti la stessa cosa.
    Non sottovalutate MAI l’importanza di affidarvi a persone qualificate nei vostri tour, la sicurezza è la prima cosa che dovete prendere in considerazione quando viaggiate. Che sia in Kenya o che sia in qualsiasi altro paese del mondo. Non esistono solo le agenzie di viaggio in Italia a garantire servizi di qualita’, anche in Kenya ci sono moltissimi operatori locali o italiani che hanno compagnie di tour e safari serie e regolarmente registrate. Aprire un’ agenzia e prendere lavoro dai ragazzi della spiaggia è molto facile, ma avvalersi di personale affidabile e qualificato è tutta un’altra cosa! Non dimenticata l’importanza dei mezzi di trasporto utilizzati.. accompagnare i turisti in savana o nelle escursioni è una grande RESPONSABILITA’, ma è anche responsabilita’ dei viaggiatori affidarsi ad agenzie serie! Non rischiate di rovinarvi il viaggio per risparmiare una ventina di euro..e se il risparmio è decisamente maggiore allora dovreste capire da soli che c’è sicuramente qualcosa che non quadra. Continuate a viaggiare e il kenya è davvero un paese meraviglioso se avrete al vostro fianco una guida seria che ve lo fara’ conoscere!

    • Teresa scrive:

      Ti ringrazio per il tuo contributo, abbiamo voluto raccontare la nostra esperienza proprio per evitare che altri viaggiatori incauti si affidino a personaggi non troppo trasparenti e si ritrovino con una vacanza rovinata. Speriamo possa essere utile!

  5. Chicca scrive:

    Ciao a tutti! Sono una donna italiana vissuta in kenya per due anni. Purtroppo conosco bene la realtà locale.. mi dispiace molto per l’esperienza che avete vissuto,e posso dire, anche se non vi consolerà,che poteva andare peggio! Il consiglio che posso dare è : andate in Kenya,è un posto che vi rimarra’ nel cuore,ma assolutamente,non fidatevi dei locali,si deve prenotare le escursioni direttamente nei resort o presso le agenzie che trovate in loco,ma gestite da ITALIANI, oppure direttamente in agenzia di viaggi. Ma mai su internet è con beach boys,anticipando addirittura I soldi…I soldi,purtroppo non li riavrete mai…e speriamo non serva,ma per problemi di questo tipo,ed altri,mai andare in polizia! Ma al consolato italiano,attualmente attivo solo a Mombasa

    • Teresa scrive:

      Grazie per il consiglio, mi auguro di non ripetere mai più una esperienza come questa, ma nel caso (incrociamo le dita) ci rivolgeremo al consolato!

  6. Gianni scrive:

    Forse è vero che un pò sprovveduti lo siamo stati, ma questa persona lavora anche con agenzie locali ed è ancora presente su internet; la ricevuta che ci ha rilasciato era vera… solo che l’agenzia era fallita tempo prima, ce n’è ancora una con dicitura quasi uguale e lui ha utilizzato dei blocchetti vecchi.

  7. Romy scrive:

    hai provato a segnalare la pagina a Facebook per farla rimuovere? almeno cosi non trufferà altre persone…
    in generale non mi stupisco molto del tuo racconto, purtroppo ho sentito altre persone che sono state truffate con varie modalità dai cosiddetti beach boys…

    • Teresa scrive:

      Abbiamo scritto a Facebook, ma senza nessun risultato. Del resto non mi meraviglia, ci sono state delle segnalazioni per cose più gravbi di questa, ma la risposta è sempre la stessa “la pagina non viola i nostri regolamenti”… e tanti saluti!

  8. Ciao!!!
    Mi dispiace tantissimo di questa tua esperienza. Hai fatto bene a dirlo perchè anch’io avrei una mezza intenzione di andare in Kenya, veramente sarei indecisa tra Senegal e Kenya. Grazie cmq per l’avviso, ma voi non siete riusciti tramite legali a riavere almeno una parte di soldi? Guarda te che gente!!!
    Un bacio grande
    Chiara

  9. luciano perla scrive:

    Qualcuno dei geni che acquistano le escursioni dai beach boys indipendenti, ossia senza una struttura solida alle spalle, ha mai provato l’ebbrezza di rimanere, all’imbrunire, in mezzo alla savana perchè all’improvviso, senza spiegazioni, la “macchina” ha deciso che era arrivato il suo momento? Mi è capitato spesso di leggere anche su questo blog, di agenti che suggeriscono di rivolgersi, indistintamente, ai beach boys perchè fanno pagare di meno e fanno le stesse escursioni, ma proprio le stesse, che propongono gli operatori specializzati.

  10. Marco Palma scrive:

    Ma anziché giocare a fare il “turista fai da te”, non era meglio una buona agenzia di viaggio?

  11. Vittorio Coccoletti scrive:

    Questo succede quando ci si affida non ad agenzie di viaggio ma personaggi non verificati e abborracciati che dire.. che ve la siete cercata? penso proprio di si .. avete verificato che avesse una licenza? Perchè avete prenotato da un abusivo? Per risparmiare evidentemente ecco il vostro risparmio .. averte perso tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Benvenuto , oggi è mercoledì, 23 agosto 2017