GiraffeTanzania – Lake Manyara, Serengeti e Ngorongoro

visualizzato 1.654 volte

Tanzania – Arusha, Lake Manyara, Serengeti e Ngorongoro.

Scrivere un diario di viaggio sul nostro safari in Tanzania non è facile, perchè non è solo un viaggio, ma è una magia, un’emozione, un’atmosfera che bisogna provare per poterla capire.

Tanzania
Dick Dick all’Arumeru River Lodge

Ma proviamoci: partenza da Milano con la Ethiopian Airlines, scalo ad Addis Abeba, due ore di ritardo e finalmente arrivo all’aeroporto del Kilimanjaro. L’emozione di essere di nuovo in Africa, il caldo e la stanchezza ci hanno un pò provati: fuori dall’aeroporto troviamo la guida che sarà con noi per tutta la durata del safari, Hannwari, con la jeep che per una settimana sarà quasi una seconda casa, visto il tempo che passeremo a bordo. Abbiamo prenotato con Savannah Explorers tramite un tour operator italiano, Easy Africa, e devo dire che l’organizzazione è stata all’altezza delle più rosee aspettative! Intanto, la prima sorpresa: ci hanno regalato un upgrade gratuito, e invece dell’hotel previsto, ci hanno portati in un resort di ottimo livello davvero bello… il tutto gratuitamente.

Tanzania
Babbuini nel Lake Manyara Park

L’Arumeru River Lodge ha un parco enorme, nel quale sono sparpagliati dei bungalow carinissimi, ma la cosa più bella erano gli animali che passeggiavano tutto intorno, soprattutto tantissimi teneri dick-dick. Una doccia, un pò di relax e poi via al ristorante: era la vigilia di Natale e devo dire che la cena è stata davvero sontuosa… insomma, soddisfattissimi!

Tanzania
Ippopotami

La mattina dopo siamo partiti per il primo dei parchi della Tanzania in programma: il Lake Manyara. Non siamo mai arrivati vicino al lago, ma è stato comunque una meraviglia. Avevamo a stento varcato l’ingresso e già abbiamo visto i primi animali: innanzitutto una enorme famiglia di babbuini, con tantissimi piccoli, poi gli ippopotami nei pressi della Hyppo Pool, alcuni che sguazzavano nel fango, altri che pascolavano nell’erba (e la guida ci ha detto che siamo stati fortunati perchè non capita spesso di vederne fuori dall’acqua!). Poi una vasta pianura con tantissime zebre e gnu, e un pò a distanza gli elefanti.
Abbiamo consumato il pranzo al sacco in una zona pic-nic (tutti i nostri pranzi sono stati al sacco) e poi di nuovo via, in cerca di animali da ammirare e fotografare. E ne abbiamo visti tanti… anche se neanche l’ombra dei grandi felini che sono la nostra grande passione!

Tanzania
Gru Coronata

Il nostro hotel per la seconda notte è stato l’Olea Africana, non così lussuoso come il primo, ma molto confortevole, anche questo immerso nel verde, e con tutti i camerieri che si facevano in quattro per compiacerci e accontentarci. Cena, doccia e poi a nanna…
La mattina partenza abbastanza presto: ci dirigiamo verso il Serengeti, uno dei parchi più famosi in Tanzania, dove l’attrazione maggiore in questo periodo è la “grande migrazione”, enormi branchi di gnu e zebre che arrivano dal Masai Mara (un parco in Kenya) per godersi la verde e lussureggiante erba del Serengeti dopo le grandi piogge.

Tanzania
Zebre, gnu ed elefanti
Facciamo una sosta per pagare l’ingresso alla Ngorongoro Conservation Area, che dobbiamo attraversare per raggiungere il Serengeti, e poi una seconda sosta per ammirare lo spettacolo della caldera di Ngorongoro dall’alto.
La strada è lunga, ma spettacolare: meravigliose acacie dappertutto, piccoli villaggi masai, le mandrie dei Masai, e poi giraffe (tantissime) e zebre e gnu che pascolavano assieme alle mucche e agli asinelli dei pastori. E finalmente eccoci: il Serengeti (il cui nome in lingua Masai significa “pianura senza fine) si apre davanti a noi, ma prima una deviazione… Hannwari è una guida esperta e sa dove si possono trovare gli animali. E così dopo qualche chilometro ci ritroviamo ad ammirare tre bellissimi ghepardi, sdraiati pigramente al sole, del tutto indifferenti alla presenza delle jeep e dei turisti. E’ uno spettacolo fantastico, ma quando i ghepardi si allontanano ritorniamo verso l’ingresso del parco.
Galleria fotografica Lake Manyara    Galleria fotografica parco Serengeti parte prima   Galleria fotografica parco Serengeti parte seconda   Galleria fotografica Ngoro Ngoro parte prima    Galleria fotografica Ngoro Ngoro parte seconda
Tanzania
Ingresso del Serengeti

A distanza vediamo delle nuvole di polvere: che sarà mai? Stupiti, ci accorgiamo che sono centinaia e centinaia di gnu (forse anche migliaia) che galoppano freneticamente, attraversano la strada proprio sotto i nostri occhi e poi proseguono la loro corsa. Una emozione indescrivibile vedere con i nostri occhi le cose che abbiamo già visto in moltissimi documentari alla TV.

Tanzania
Giraffe

Continuiamo il viaggio: intanto vediamo zebre, altri gnu, qualche iena, un paio di sciacalli, tantissime gazelle ed impala, dei bufali. Poi pausa pranzo: oltre a consumare il nostro pasto, la guida deve pagare l’ingresso al parco, poi via di nuovo….
La grossa sorpresa arriva nel pomeriggio: improvvisamente, sulla strada, ci si para davanti un leopardo. Che animale maestoso! La guida è stupita dal fatto che l’animale non scappi, che invece resti lì sulla strada, mentre i click delle macchine fotografiche impazzano. La spiegazione è semplice e la capiamo qualche attimo dopo!

Tanzania
Leopardo

Nascosti nell’erba alta ci sono i suoi due cucciolotti, e lei deve aspettare i suoi due bambini per potersi dileguare… ma i bimbi sono lenti, soprattutto hanno tanta voglia di giocare e non hanno molta voglia di seguirla! Ci siamo goduti lo spettacolo per almeno 10 minuti, ed eravamo così presi che neanche ci è venuto in mente di usare la telecamera!

Tanzania
Ghepardo

Ancora stupiti ed eccitati, raggiungiamo il Kati Kati Tented Camp, un campo tendato nel cuore della savana. E’ un’esperienza strana: siamo gasati, ma anche un pochino preoccupati, visto che il campo non è recintato e gli animali sono liberi di avvicinarsi alla tenda durante la notte. Ma è stato stupendo: durante la notte, abbiamo sentito lo sghignazzare delle iene, il ruggito del leone e quello che pensiamo fosse un facocero molto vicino alla tenda!

Tanzania
Elefanti

Al mattino, dopo una ottima colazione, riprendiamo la strada: e di nuovo abbiamo la possibilità di vedere tantissimi animali. Hannwari ci porta verso il fiume Seronera, quindi possiamo ammirare tantissimi ippopotami, ma anche tantissimi grandi felini: un leopardo che passeggia nell’erba alta, un altro addormentato su un albero, una decina di leoni sdraiati al sole con alcuni piccoli. Incrociamo una famiglia di elefanti davvero enorme: non siamo riusciti a contarli, ma ad occhio e croce non saranno stati meno di 40… e tanti cuccioli! E ancora iene, ancora zebbre, gnu… per chi ama gli animali come me un vero paradiso!

Tanzania
Strada polverosa

Trascorriamo un’altra notte al Kati Kati, speriamo di sentire di nuovo i suoni degli animali ma… ci addormentiamo subito, siamo un piuttosto stanchi.
Trascorriamo la giornata successiva in giro per il parco, ma ahimè arriva il momento di andare via… siamo un pò tristi, ma anche pieni di aspettative perchè il giorno dopo visiteremo Ngorongoro!

Tanzania
Ngorongoro dall’alto

Il lodge dove passeremo la notte, il Rhino Lodge, è fantastico: ci sentiamo un pò a casa perchè veniamo accolti da Veruska ed Alessandro, due ragazzi italiani che si sono trasferiti in Tanzania e che gestiscono il lodge e che ci fanno sentire molto a nostro agio. Davanti alla nostra camera un bel parco dove giocano molti animali, un ristorante con una bella terrazza al sole, un drink e un pò di patatine fritte, una connessione wifi eccezionale… cosa volete di più????

Tanzania
Ngoro ngoro -Bufali

E finalmente Ngorongoro: credo che questo parco in Tanzania sia un posto unico al mondo, il panorama che offre è senza eguali e ci sono animali dappertutto. Qui riusciamo a vedere anche il rinoceronte nero (in realtà ne vediamo 2, anche se uno è piuttosto distante!). Così anche questa volta siamo riusciti a vedere i Big Five (leone, elefante, bufalo, leopardo e rinoceronte). Percorriamo tutti i sentieri e vediamo di tutto, sembra che ci sia una concentrazione di animali davvero eccezionale….
Purtroppo è tempo di andare via… ma il parco ci offre ancora qualcosa: mentre consumiamo il nostro ultimo pranzo al sacco all’interno della jeep (non esiste una zona pic nic), una scimmietta con il piccolo attaccato al petto tenta di entrare per rubare il nostro cibo, ma le nostre grida la mettono in fuga… e abbiamo riso tanto quando l’abbiamo vista entrare e uscire velocemente da un’altra vettura con un paio di mele nelle zampine.

Tanzania
Ngoro ngoro – Leonesse con cuccioli

Il nostro safari finisce qui… trascorriamo la nostra ultima notte di nuovo all’Olea Africana, poi la mattina dopo, la guida ci accompagna all’aeroporto di Arusha dove il nostro volo per Zanzibar ci attende!
Mi piacerebbe poter tornare in Tanzania… non so se succederà, ma un pezzetto di questa splendida terra lo porterò sempre nel mio cuore e le sue immagini nei miei occhi!

Galleria fotografica Lake Manyara

Galleria fotografica parco Serengeti parte prima

Galleria fotografica parco Serengeti parte seconda

Galleria fotografica Ngoro Ngoro parte prima

Galleria fotografica Ngoro Ngoro parte seconda

Nessun Commento - Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Benvenuto , oggi è mercoledì, 28 giugno 2017