....leggi tutto"/>

Anse Source d'ArgentSeychelles

visualizzato 7.109 volte

Le Seychelles godono di un clima favorevole tutto l’anno, con temperature che oscillano tra i 24 e i 32°. La stagione più calda e umida va da dicembre a marzo, quella più secca e fresca da maggio a settembre
Documenti
Passaporto con validità residua si almeno 6 mesi. Non è necessario possedere un visto per le permanenze fino ai trenta giorni

Victoria, la capitale delle Seychelles
Victoria, la capitale delle Seychelles

Sanità e vaccinazioni
Essendo il paese sicuro, non è necassaria nessuna precauzione o vaccinazione particolare.
Valuta
Rupia delle Seychelles (SCR) che corrisponde a 0,05 € (1 EUR = 13,89 SCR), le carte di credito Visa e Master Card sono comunemente accettate, mentre Diners e American Express non godono della stessa popolarita’.
Lingua
Il creolo, l’inglese e il francese sono le tre lingue ufficiali. Molti seychellesi parlano bene anche il tedesco e l’italiano

Il Parco Nazionale di Morne Seychellois
Il Parco Nazionale di Morne Seychellois

Voli
Le linee aeree che vi consentiranno di raggiungere le Seychelles sono Alitalia, in collaborazione con Air Seychelles, la Qatar Airlines con scalo a Doha, oppure potete scegliere Emirates o Etihad.
Il nostro progetto di viaggio
Le isole principali delle Seychelles sono Mahè, Praslin e La Digue, e noi vorremmo visitarle tutte. Arrivando a Mahè, potremmo fermarci 5/6 giorni per goderci le sue meravigliose spiagge e visitare l’isola.
Dicono che la capitale Victoria sia molto interessante. Ci piacerebbe vedere il Morne Seychellois, un parco nazionale che offre diversi percorsi per conoscere le specie botaniche. Poi vorremmo anche visitare il Mercato centrale, le case colorate in stile coloniale del centro storico e dare uno sguardo alla Clock Tower, la copia in miniatura del Big Ben londinese.

Il mercato a Victoria
Il mercato a Victoria

Per quanto riguarda le spiagge, c’è solo l’imbarazzo della scelta, le più famose sono Beau Vallon, Grand Anse (anche se questa sembra essere soprattutto consigliata agli appassionati del surf) e Petit Anse.
La scelta dell’alloggio sarà orientata verso le guest houses, poichè vorremmo evitare i grossi e lussuosi resort per due motivi: innanzitutto per limitare la spesa in quanto sono eccessivamente costosi, ma soprattutto perchè il soggiorno nelle guest houses ci permetterebbe di entrare in contatto con la popolazione che è cordiale e ospitale.

La spiaggia di Grand Anse
La spiaggia di Grand Anse

Probabilmente saremo costretti a noleggiare una macchina, in quanto le spiagge che vogliamo visitare sono sparse lungo la costa dell’isola e per poterle visitare avremo bisogno di un mezzo.
Lo spostamento verso la prossima isola, cioè Praslin può essere effettuato sia in aereo che in barca. Nel primo caso il volo dura circa 15 minuti, via mare ci vorrà circa un’ora. E penso che opteremo per la seconda soluzione, sempre per contenere i costi.
Per ottenere informazioni dettagliate sui voli e gli spostamenti in barca da un’isola all’altra, vi consigliamo di visitare questo link
http://www.seychelles.travel/it/things_to_do/from_mahe.php?bct=0&x=13&y=7

La spiaggia di Anse Lazio
La spiaggia di Anse Lazio

Anche qui soggiorneremo in una guest house, ne cercheremo una che sia vicino alla spiaggia, perchè non c’è nulla di più bello che alzarsi al mattino e vedere il mare, o adddirittura farsi un bel tuffo prima di ogni altra cosa.
Un altro link interessante per trovare delle strutture nelle isole delle Seychelles è questo:
http://www.seychelles.travel/it/plan_your_visit/accommodation.php
La spiaggia sicuramente più famosa di Praslin è Anse Lazio. E’ situata nella zona a sud est dell’isola ed è adatta sia al nuoto che allo snorkeling. Molte sono le foto che abbiamo visto di questa spiaggia con i suoi tipici massi di granito rosa, la sua fine sabbia bianca e il mare cristallino. E se decidete di passarci l’intera giornata, c’è anche un ristorante dove fare uno spuntino.

La spiaggia di Grand Anse a Praslin
La spiaggia di Grand Anse a Praslin

Un’altra spiaggia che ci piacerebbe vedere è Grand Anse (si, una omonima della spiaggia di Mahè). Oltre al nuoto e allo snorkeling, su questa spiaggia è anche possibile pescare, e sono certa che Gianni non si lascerà scappare questa occasione.
A parte le attività di mare, a Praslin vorremmo visitare la Riserva Naturale di Valleè de Mai, che è patrimonio mondiale dell’Unesco. La valle e’ un sito cosi’ eccezionale che per lungo tempo si credette fosse il Giardino dell’Eden con una foresta primordiale di ammaliante bellezza che conta 6000 palme di Coco-de-mer, e’ una delle meraviglie botaniche del mondo.

Valleè de Mai
Valleè de Mai

Per ultima, ci teniamo l’isola che, a mio avviso, è la più bella, pur essendo la più piccola tra le maggiori: La Digue.
E’ un’isola dove il tempo si e’ fermato e dove le tradizioni sono ancora vive, gli spostamenti vengono fatti sopratutto con I carretti trainati dai buoi o in bicicletta. Le barche vengono costruite ancora con metodi tradizionali e la lavorazione della noce di cocco (la coprah) e’ ancora in uso.
La Digue offre diverse strutture turistiche per I visitatori e le sue pittoresche isole satellite sono ideali per escursioni, snorkelling ed immersioni.
Le spiagge dell’isola sono ancora una volta mozzafiato, sembra che non ce ne sia una più bella in assoluto, anche se le più famose e rinomate sono Anse Patates, Anse Severe e Anse Source d’Argent.

Anse Source d'Argent
Anse Source d’Argent

Tra le cose che ci piacerebbe vedere in particolare, c’è Granite Boulder, considerato un monumento nazionale, si tratta di un enorme masso di granito presso Anse L’Union. E poi c’è Union Estate, una dimora padronale in stile coloniale francese.
In questa ultima isola, mi piacerebbe soggiornare non in una guest house, come nelle precedenti, ma in un grande albergo di cui ho visto le foto e di cui mi sono perdutamente innamorata! Si tratta del Domaine de l’Orangerie , a cinque minuti di passeggiata dalla spiaggia di Anse Severe. I prezzi sono decisamente cari, ma visto che il nostro saoggiorno durerebbe non più di 4 giorni, forse si potrebbe anche fare. L’alternativa sarebbe La Digue Island Lodge, nei pressi di Anse Reunion, meno lussuoso, ma certamente meno economico.

La piscina dell'Hotel Domaine de l'Orangerie
La piscina dell’Hotel Domaine de l’Orangerie

E dopo questi ultimi giorni di relax, si tornerebbe a casa.

Nessun Commento - Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Benvenuto , oggi è giovedì, 24 agosto 2017